Persone introverse: belle come il tramonto

Forse uno dei motivi per cui apprezziamo un tramonto è lo stesso che rende genuine le persone introverse: la bellezza di saper apprezzare la calma.

Le persone introverse vengono spesso incolpate di essere poco socievoli, eppure non disdicono le feste o la confusione; semplicemente, le ritengono delle barriere per comunicare con gli altri.

Una serata in solitudine, trascorsa con una buona cena e una serie televisiva non è considerata dagli introversi come tempo mal speso. Al contrario, viene vista come un bisogno, un momento di relax per rilassarsi e poi tornare a immergersi nel mondo. Questo accade a un terzo della popolazione.

Secondo Sophia Dembling, psicologa e autrice di The Introvert’s Way: Living a Quiet Life in a Noisy World (letteralmente La via dell’introverso: vivere una vita tranquilla in un mondo rumoroso), alle persone introverse piace analizzare a fondo il senso della vita, la natura dell’amore o qualsiasi altro argomento di cui sono interessate a parlare con passione.

Molte volte confondiamo la timidezza con l’introversione, ma sono due concetti del tutto diversi. La timidezza è la paura della disapprovazione sociale mentre l’introversione è la preferenza per gli ambienti che non presentano stimolazioni eccessive. La timidezza è intrinsecamente dolorosa; l’introversione non lo è.

Conviviamo con un sistema di valori che io chiamo l’Ideale dell’estroversione, ossia la convinzione diffusa che l’io ideale sia espansivo, dominante, a proprio agio sotto i riflettori, preferisca l’azione alla meditazione, il rischio alla prudenza e la certezza al dubbio (…) Nell’abbracciare l’Ideale dell’estroversione in maniera tanto acritica, tuttavia commettiamo un errore. Alcune delle più grandi opere d’arte e invenzioni dell’umanità – dalla teoria evoluzionistica ai Girasoli di Van Gogh, fino al personal computer – sono dovute a persone silenziose e celebrali che sapevano come entrare in sintonia con il proprio mondo interiore e con i tesori che vi erano nascosti”.

-Susan Cain-

Ragazza che legge libro accanto alla finestra persone introverse

Le persone introverse si sentono sole nella moltitudine

Nonostante possa sembrare contraddittorio, è comune che una persona introversa si senta sola in mezzo a molta gente e preferisca dedicare la sua energia sociale ad amici stretti, colleghi e parenti. Con che frequenza parliamo solo per riempire un buco di quiete? Quante volte sprechiamo fiato per parlare senza senso?

Le persone introverse possono avere forti abilità sociali e stare bene in occasioni quali feste e riunioni di affari. Dopo un po’, però, preferiscono tornare a casa. Ascoltano più di quanto parlano, pensano prima di parlare e spesso sentono di riuscire a esprimersi meglio scrivendo piuttosto che conversando. Tendono a rifiutare il conflitto. Alcune possono avere il terrore di una fugace chiacchierata, ma apprezzare le discussioni profonde.

Si annoiano facilmente in ambienti molto affollati o pieni di stimoli. Questo si dove al fatto che le persone introverse prestano molta più attenzione ai dettagli e si vedono sfinite dai troppi stimoli.

“Mi piace la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle,

sentire gli odori delle cose, catturarne l’anima.

Quelli che hanno la carne a contatto con la carne del mondo.

Perché lì c’è verità, lì c’è dolcezza, lì c’è sensibilità, lì c’è ancora amore”.

-Alda Merini-

Ragazzo solo seduto su panchina che guarda panorama

Il cervello delle persone introverse è diverso?

Uno studio realizzato dall’Università di Harvard ha individuato diversi schemi cerebrali nelle persone classificate come introverse, facendo così luce sul motivo per cui sono così. Le persone introverse hanno una maggiore quantità di materia grigia, che è inoltre più spessa in certe zone della corteccia prefrontale, relazionate al pensiero astratto e alla presa di decisioni.

Un’altra caratteristica del cervello degli introversi è che possiedono una maggiore attività nei lobi frontali e nel talamo anteriore. Questo permette loro di ricordare eventi, fare programmi e risolvere problemi.

Queste persone sono più attente al loro mondo interiore che a quello esterno. Allo stesso tempo, presentano una maggiore attività cerebrale nelle zone dedicate all’apprendimento, al controllo motorio e di vigilanza che, ovviamente, le rende più caute.

L’inizio della saggezza è il silenzio”.

-Pitagora-

Fonte: lamenteèmeravigliosa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...