BREXIT BOOM – Economica alle stelle in Gran Bretagna

ar_image_5548_lFinalmente buone notizie in Gran Bretagna anche per i lavoratori dipendenti: lo scrive il quotidiano “The Times”, commentando gli ultimi dati diffusi ieri martedi’ 16 ottobre dallo Office for National Statistics (ONS, l’istituto nazionale britannico di statistica – ndr).

Nel trimestre conclusosi alla fine di agosto, salari e stipendi sono cresciuti del 3,1 per cento rispetto allo stesso periodo del 2017: si tratta, spiega il giornale, del maggior aumento dei redditi dei dipendenti registrato da dieci anni a questa parte, ed è ancora più notevole alla luce del fatto che tra meno di cinque mesi, si trovi un accordo o no con la Ue, la Gran Bretagna lascerà definitivamente l’Unione Europea.

Il dato ha sorpreso gli analisti, che si attendevano una crescita molto minore, scrive il Times. L’aumento delle paghe ha anche abbondantemente superato il livello di inflazione, che in Gran Bretagna nel trimestre in oggetto si e’ fermata al 2,5 per cento.

I dati dell’aumento del costo della vita nel mese di settembre invece saranno resi noti oggi mercoledi’ 17 ottobre, ma ci si aspetta siano in linea. Cio’ tuttavia significa, scrive il Times riportando i calcoli fatti dall’istituto di ricerca Resolution Foundation, che i salari reali sono cresciuti dello 0,7 per cento: comunque ancora aldisotto degli anni precedenti alla grande crisi finanziaria del 2008, quando la crescita media annuale dei redditi era superiore al 2 per cento e tuttavia enorme, come risultato, specialmente se confrontato col resto d’Europa, nella quale i salari non aumentano, piuttosto diminuiscono e sono correlati all’aumento considerevole della precarietà dei contratti di assunzione. E deve essere considerato che in Gran Bretagna la quasi totalità dei contratti di lavoro viceversa è a tempo indeterminato.

Il balzo dei salari oggi e’ principalmente da ascrivere all’ottimo andamento dell’occupazione, che anch’essa ha raggiunto i livelli massimi, addirittura da quattro decenni, dai lontanisismi anni Settanta: il numero dei disoccupati e’ ulteriormente sceso di 47 mila unita’, assestandosi ad 1 milione e 360 mila persone senza lavoro.

In percentuale si tratta di appena il 4 per cento dell’intera popolazione in eta’ di lavoro della Gran Bretagna, dato che non ha alcun confronto con la Ue, dove la media dei disoccupati si aggira attorno al 10% e in alcune nazioni supera abbondantemenrte il 20%. Va anche sottolineato che l’occupazione ha avuto un aumento continuo, fino al clamoroso dato di oggi, da dopo il sì referendario alla Brexit. Si è passati in due anni dall’8% al 4%.

A questo punto arrivati, ha detto al Times di Londra il capo economista Suren Thiru delle Camere di commercio britanniche, “le aziende stanno incontrando sempre maggiori difficolta’ nel reclutare nuovi assunti”, soprattutto tra i lavoratori specializzati provenienti dai paesi dell’Unione Europea: in questo caso l’ostacolo principale e’ rappresentato dalle incertezze legate alla Brexit. L’unico neo in questa brillante situazione resta la produttivita’ del lavoro, che in Gran Bretagna continua ad essere piu’ bassa dei paesi concorrenti e rappresenta il “tallone d’Achille” dell’economia britannica.

Ad ogni modo gli analisti sono convinti che la crescita dei salari continuera’ allo stesso ritmo per il resto del 2018 ed oltre: “Ci aspettiamo una crescita delle paghe anche nel prossimo anno”, ha detto al “Times” l’economista Thomas Pugh della societa’ di consulenza Capital Economics, “e questo dovrebbe trdursi in un aumento dei consumi che alimentera’ la crescita del Pil”. Insomma, la Brexit è già ora un enorme successo.

Fonte: ilnord

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...