Tutti pronti per il teletrasporto?

di Giovanni Vota

“Beam me up, Scotty!”, così il Capitano Kirk esclamava, nel celebre telefilm “Star Trek”, dando l’ordine di iniziare il teletrasporto. All’epoca tutto questo era definito fantascienza… e oggi invece?

Il periodo storico attuale è estremamente delicato e suggestivo da un punto di vista di progresso scientifico e spirituale, poiché stiamo assistendo – forse per la prima volta nella storia dell’umanità – a un graduale incontro tra queste due discipline. È l’inizio di un’unione che, a parer mio, diventerà inscindibile.

Vedremo come la fisica, studiando il microcosmo tanto da arrivare all’invisibile, stia raggiungendo velocemente a conclusioni che si avvicinano in modo impressionante ai concetti spirituali di sempre. Per fare questo, bisogna però iniziare a segnare un confine tra la scienza classica e la fisica quantistica, poiché rappresentano due modi molto diversi di studiare e interpretare il mondo.

Sono indubbi i vantaggi e i riflessi sulla qualità di vita che abbiamo avuto negli ultimi secoli, grazie alla scienza e alla tecnologia: viviamo più a lungo, apparentemente siamo in grado di curare molte più malattie; abbiamo comodità impensabili fino a pochi decenni fa. Ma i limiti ci sono. Siamo, infatti, ben lontani dal poter dire che abbiamo capito tutto.

È imbarazzante, per esempio, dover ammettere che dell’Universo intero conosciamo meno del 4%, contando anche i gas intergalattici! Quello che i fisici chiamano “materia oscura” o “energia oscura” rappresenta il 96% mancante. Oscura nel senso che ci è completamente ignoto di che cosa si tratti.

Il Paradosso dell Fisica Quantistica relativista

La fisica quantistica relativistica è totalmente paradossale, sconcertante, inquietante e sicuramente non intuitiva. Quando si comincia ad affrontarla è mal di testa assicurato. Un male che sta accompagnando i fisici da più di un secolo. Eppure è il modello più potente che sia mai stato sviluppato per la previsione dei comportamenti dei sistemi fisici. Permette la previsione dei fenomeni fisici con una precisione di 1 su 1 miliardo.

La fisica quantistica nasce da scoperte scientifiche fatte tra il 1900 e il 1932, che sono partite dal mondo subatomico, il mondo delle particelle, ovvero fotoni ed elettroni, ma riguarda alla fine anche l’uomo stesso. È un viaggio che va a sconvolgere le nostre menti newtoniane, perché noi tutti siamo cresciuti con il concetto della fisica di Newton, che è ancora quello che normalmente i mass-media, i giornali e spesso gli scienziati stessi, usano. Eppure tutta la moderna tecnologia funziona, solo perché la fisica quantistica relativistica funziona.

Entanglement, la follia della Fisica Quantistica

Tra i tanti fenomeni “folli” della fisica quantistica, uno è così sconvolgente che cambia tutta la storia della scienza e per il quale forse dovranno essere riscritti tutti i libri di fisica: l’Entanglement! Esso venne ipotizzato per la prima volta nel 1926 da Erwin Schrödinger, come proprietà della meccanica quantistica. Egli fu anche il primo ad introdurre nel 1935 il termine stesso entanglement (letteralmente “groviglio”, “intreccio”), in una recensione del famoso articolo sul “Paradosso EPR”.

Nel 1935, furono lo stesso Einstein, Boris Podolsky e Nathan Rosen, a formulare il celebre “Paradosso EPR” (dalle iniziali dei tre scienziati), che metteva in evidenza, appunto come fosse paradossale, il fenomeno dell’entanglement. Tale mistero faceva perdere il sonno ai padri della meccanica quantistica, da Niels Bohr ad Albert Einstein; soprattutto a quest’ultimo non piaceva affatto e, anzi, fu il primo a mettere in dubbio la fondatezza della fisica quantistica per spiegare la vera natura della realtà… ma alla fine le prove sperimentali gli diedero torto.

L’entanglement rappresenta il paradosso più difficile da accettare della teoria dei quanti, poiché implica un’azione “fantasmatica” a distanza, ossia senza nessuna intermediazione, che sembra anche violare il principio per cui nessuna informazione può superare la velocità della luce. E fu proprio Einstein a usare quell’espressione – “azione fantasmatica a distanza” – ormai entrata nella storia per definire l’entanglement.

L’entanglement è rimasto a lungo un concetto astratto, teorico, fino al 1964, quando John Bell ne dimostrò la fattibilità, e dal 1980 ci sono esperimenti che lo confermano: fu per la prima volta dimostrato sperimentalmente da Alain Aspect e in seguito Anton Zeilinger, il “guru” del teletrasporto quantistico, ne ha date nuove inoppugnabili dimostrazioni.

La direzione anomala delle particelle

Secondo la fisica quantistica, se collego due particelle (fotoni, elettroni o altro) e cerco di cambiare assetto a una di esse, istantaneamente cambia l’assetto anche dell’altra. Ovvero, immaginando che queste due particelle abbiano una freccia che le attraversa, le collego in modo tale che se una ha la freccia che punta in alto, l’altra deve avere la freccia che punta in basso; in questo modo si può osservare che se ne giro una – cambiando quindi la direzione della freccia – automaticamente cambia anche quella a lei collegata puntando la freccia al lato opposto.

Tutto questo si chiama Entanglement. La cosa interessante è che il cambiamento è assolutamente istantaneo, indipendentemente dalla distanza. Ciò significa che se io tengo qui con me una delle particelle e mando l’altra a duemila anni luce da qui (che tradotto significa che un segnale che parte ora, per raggiungerla impiega duemila anni, se va veloce come la luce), ci aspetteremmo che se giro quella che si trova qui con me, l’altra giri tra duemila anni. Anche perché sappiamo che in teoria nulla può andare più veloce della luce. Invece, la particella che sta nell’Universo cambia istantaneamente con quella che è rimasta qui. Questo sì che ha fatto arrovellare i fisici!

L’interazione delle strutture della materia

Secondo l’entanglement, quando due strutture della materia interagiscono, cambiano, e non possiamo più descriverle come le avremmo descritte prima. Così scrisse Erwin Schrödinger (premio Nobel per la fisica nel 1933, e uno dei grandi “padri” della fisica quantistica) nel 1936: “Quando due sistemi (particelle, oggetti, persone…) dei quali conosciamo gli stati sulla base della loro rispettiva rappresentazione, subiscono un’interazione fisica temporanea, dovuta a forze note che agiscono tra di loro, e quando, dopo un certo periodo di mutua interazione, i sistemi si separano nuovamente, non possiamo più descriverli come prima dell’interazione, cioè dotando ciascuno di loro di una propria rappresentazione”.

Come dire che… per il fatto che ho conosciuto una persona, io non sono più descrivibile come prima, perché il collegamento energetico rimane, per sempre. Che cosa viene fuori allora dall’entanglement? Che nell’universo c’è un “principio di non-località” attraverso il quale avvengono fenomeni come se ogni cosa fosse in varia misura in diretto e istantaneo contatto con ogni altra, indipendentemente dallo spazio fisico che le separa. In sostanza, io sono sempre in contatto con chi vive in Nuova Zelanda, con Plutone o con Alpha Centauri… E un elettrone può istantaneamente cambiare lo stato di un altro elettrone che si trova dall’altra parte dell’Universo, utilizzando solo se stesso.

La questione è sempre più studiata e approfondita, ci sono riviste scientifiche di prim’ordine tipo “Nature”, o “Scientific American”, che quasi ogni mese pubblicano ormai articoli sull’entanglement.

Da un punto di vista matematico, secondo la University of Queensland, Australia:

– c’è la possibilità di creare entanglement non solo nello spazio ma anche nel tempo;
– nello spazio: nello stesso istante succede la stessa cosa a grandi distanze;
– nel tempo: nello stesso punto succede la stessa cosa in epoche diverse;
– è possibile collegare ciò che avviene in un certo posto in momenti diversi del passato, presente o futuro;
– è possibile il “Teletrasporto” nel tempo.

Il Teletrasporto è possibile?

Con l’entanglement noi parliamo, quindi, anche di Teletrasporto. È interessante sapere, a questo riguardo, che a Vienna, Zeilinger ha realizzato il teletrasporto di particelle attraverso il Danubio, nel 2004.

Per il momento è stato fatto a livello di fotoni, ma gli sviluppi scientifici fanno passi da giganti. Si sta studiando anche il teletrasporto delle informazioni, ovvero come teletrasportare i qbit (bitquantistico) di informazione a distanza. Certo però, il teletrasporto alla Star Trek è molto probabile che resti nel regno della fantascienza ancora molto a lungo!

La Magia rinascimentale e l’Entanglement

L’entanglement è forse la dimostrazione scientifica della magia rinascimentale, che parlava dell’azione a distanza, oggi spiegabile con l’esistenza di un campo di informazione pura che riempie l’Universo.

La componente invisibile di ogni cosa interagisce costantemente con la componente visibile di ogni altra cosa esistente, generando gli eventi presenti manifesti. Naturalmente, se uno ragiona secondo la fisica classica, tutto ciò che sostenevano gli alchimisti e i maghi rinascimentali, è da deridere. Con la fisica quantistica possiamo cominciare invece a prendere tutto più sul serio.

Non è un dettaglio il fatto che grazie alla fisica quantistica e all’entanglement siano possibili oggi i “computer quantistici”, che oggi sono a disposizione ormai anche a livello commerciale. È del maggio 2013 l’annuncio di un progetto congiunto tra Google e la Nasa, proprio utilizzando i primi computers quantistici commerciali. Computers da 512 qubit in grado di risolvere problemi complessi ad una velocità 3.600 volte maggiore rispetto ai computer tradizionali… e siamo appena agli albori di questa tecnologia!

L’entanglement suscita, tuttavia, ancora vari dibattiti: alcuni scienziati, infatti, tendono a sottolineare che questo principio funziona solo a livello di particelle… ma non dobbiamo dimenticare che noi stessi siamo fatti di particelle.

“Entangled Mind”: un esperimento del 2006

Vediamo ora un altro interessante esperimento eseguito da Dean Radin, nel 2006 (“Entangled Mind”). Per lo svolgimento sono state coinvolte due persone che avessero una relazione tra loro, tipo marito/moglie o genitore/figlio, anche se in verità sarebbe stato sufficiente che le persone si fossero incontrate e state in relazione anche per poco tempo.

Queste persone sono state separate e fatte accomodare in due stanze diverse – addirittura in due luoghi distanti l’uno dall’altro – misurando costantemente la loro attività cerebrale. Durante l’esperimento, una delle due persone venne tenuta al buio, a differenza dell’altra. Si vide che, provocando delle situazioni forti tipo accendere improvvisamente la luce nella stanza buia, il cervello della persona che stava in quella stanza aveva delle reazioni e, analogamente, l’altra persona posta in un altro locale anche a grande distanza, aveva in quel preciso momento la medesima reazione nella stessa area cerebrale, pur in assenza dello stimolo buio/luce.

Menti collegate: questo apre scenari completamente nuovi di comprensione. È possibile che una madre senta il figlio a distanza? In verità, come detto prima, è sufficiente avere una relazione anche molto meno intensa. Energeticamente, è il collegamento cuore-cuore: possiamo immaginare tutta la gente con cui abbiamo avuto a che fare e che tipo di influenze reciproche abbiamo avuto con esse.

Scientificamente siamo agli albori di tutto questo, mentre a livello spirituale queste interazioni si conoscono molto bene e si è molto, molto più avanti di quello che tanti scienziati, con mille difficoltà e scetticismi, stanno gradualmente realizzando.

L’Universo: un immenso ologramma

Secondo David Bohm, il fatto che esista l’entanglement, vuol dire che l’Universo è un immenso ologramma. Sappiamo che un ologramma è un’immagine tridimensionale a differenza, per esempio, di una fotografia che è un’immagine bidimensionale su un foglio.

Cerchiamo di capire bene la differenza: se prendo una fotografia e la strappo a metà, ho metà foto in un pezzo e l’altra metà sull’altro pezzo. E se continuo a strapparla, avrò tanti pezzetti diversi della foto originale; quindi se volessi ricostruire l’intera immagine, dovrei riprendere tutti i pezzetti e rimetterli insieme, tipo puzzle.

Con l’ologramma, invece, se lo taglio a metà o ne faccio tanti pezzi, in ognuno di essi avrò sempre l’immagine intera. In realtà, c’è una minima perdita di informazione, ma di base ho tutta l’informazione in ogni pezzo, per piccolo o grande che sia. Questo sembra aver a che fare con una struttura frattale dell’ologramma.

I frattali sembrano essere con l’ologramma, la struttura di base dell’Universo: per cui ogni pezzo è una ripetizione esatta di una stessa struttura, dal microscopico al macroscopico. Tutto questo ha portato David Bohm ad affermare che ogni minuscolo frammento dell’Universo, contiene sempre tutto l’Universo stesso.

“Così in alto, così in basso”: noi ritroviamo in ogni pezzo il tutto, e non solo… Se io faccio una modifica in un pezzo, nel medesimo istante la stessa modifica la trovo in ogni altro pezzo (entanglement). Ciò che faccio in un pezzettino dell’Universo, si ritrova subito in ogni parte di esso. E se è così, un mio pensiero, che influenza ha in tutto il resto dell’Universo?

L’Universo meccanico è passivo, una macchina guidata da equazioni; l’Universo olografico è creativo e partecipativo (amorevole forse?). La naturale osservazione, a questo punto, è sulle varie discipline che possono venire in mente in seguito alla riflessione sugli ologrammi: l’iridologia, per esempio. Attraverso l’analisi dell’iride si legge tutto di una persona. Si può sapere come sta il corpo fisico, come stanno gli organi, come sta a livello emozionale; i traumi vissuti passati o ancora vivi, come sta la parte spirituale ecc. Nell’iride si ritrova in pratica tutta la persona. Inoltre, l’iride cambia nel tempo.

Questo vale anche per la riflessologia plantare, dove sopra e sotto il piede si ritrovano ugualmente tutto lo stato fisico, emozionale e spirituale di una persona. Ma abbiamo tante altre discipline simili: la riflessologia dentale, sul viso, nelle mani, nell’orecchio, sulla lingua e persino sui genitali. In ogni parte del corpo si ritrova tutto, insomma.

La separazione è soltanto un’illusione

Se il modello olografico è corretto, David Bohm afferma allora che, per via dell’entanglement, la separazione è un’illusione, e che le particelle sono in contatto indipendentemente dalla distanza. A livello più profondo, le particelle (e quindi tutti noi), sono estensioni di una stessa entità fondamentale, perché la separazione è un’illusione. Il cambio di mentalità consiste, dunque, nel pensare che il mio libro, Alpha Centauri e una tigre nella foresta siano collegati, e niente affatto separati.

Dice David Bohm: “Noi dobbiamo imparare a osservare qualsiasi cosa come parte di una Indivisa Interezza”. E che cosa ci dicono da sempre gli antichi maestri e l’antica spiritualità? “Mita kuye oyasin” ovvero “Noi siamo tutti Uno”. (Lakota -Sioux)

Articolo di Giovanni Vota

Fonte: http://www.giannivota.com/modules.php?name=pages&pid=57&idcat=4&nomecat_sup=Miei%20Articoli

Rivisto da www.fisicaquantistica.it

Annunci

2 pensieri su “Tutti pronti per il teletrasporto?

  1. Piu’ che noi siamo tutti uno,direi che Tutto è Uno.Le particelle,tutte quelle studiate dai fisici quantistici sono
    intelligenti e rispondono alla nostra osservazione conformandosi ad essa.Noi,col nostro pensiero,ben piu’ veloce della luce,influenziamo in ogni attimo il Tutto e siamo quindi creatori e responsabili di tutto quanto
    creiamo.Conseguentemente,come insegna la fisica quantistica,tutti hanno la loro ragione e non esiste nulla
    di assoluto,quindi tutto è possibile,non solo il teletrasporto.A noi la scelta.Da questo punto di vista è ovvio
    che qualunque affermazione categorica…Es.I vaccini sono indispensabili e obbligatori,ecc.ecc.è tutto fuorchè scientifico.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...