Non cercare la felicità nello stesso posto dove l’hai persa!

pitää-kiinni“Una serata qualsiasi, alcuni abitanti di un piccolo villaggio videro una donna anziana che stava cercando qualcosa di fronte alla sua capanna. Alcune persone si avvicinarono per cercare di aiutarla.

  • Cosa hai perso?
  • Il mio ago – rispose.

Tutti si misero a cercare insieme a lei ma dopo un po’, qualcuno gli chiese:

  • La strada è molto larga e l’ago è molto piccolo, ci puoi dire più o meno dove ti è caduto?
  • Dentro casa mia – disse la vecchia.

Le persone la guardarono con stupore. Alcuni addirittura si arrabbiarono.

  • Ma sei pazza? Perché stai cercando l’ago in strada se ti è caduto in casa?

La vecchia rispose:

  • Perché in casa non c’è luce.
  • Allora sarebbe meglio cercare una lampada e guardare dentro.

La vecchia rise e disse:

  • Siete molto intelligenti nelle piccole cose, quando userete questa inteligenza per la vostra vita?”

Spesso ci comportiamo irrazionalmente senza rendercene conto, come dice la donna anziana di questo racconto. E continuare in questo modo ci porta in un vicolo cieco in cui ci attende solo frustrazione.

Uno di questi comportamenti illogici e, probabilmente, uno dei più comuni, consiste nel cercare la felicità nello stesso luogo in cui l’abbiamo persa, come se si trattasse di un ago o un oggetto fisico.

Perché cerchiamo la felicità dove non la possiamo trovare?

– Paura di lasciare la zona di comfort. La zona di comfort è lo spazio in cui ci sentiamo relativamente a nostro agio. Non significa sempre che sia uno spazio sicuro, ma solo conosciuto. Pertanto, la zona di comfort ci dà un falso senso di sicurezza, perché in realtà serve solo a evitare le incertezze, perché sappiamo già quello che può accadere nel futuro, anche se è negativo. Infatti, molte persone si abituano a vivere in zone di comfort tossiche che danneggiano la loro salute fisica ed emotiva. Eppure, la paura dell’incertezza le fa rimanere all’interno di tale area e quindi, perpetuano comportamenti e atteggiamenti negativi.

– Attaccamento alle abitudini. Le abitudini ci danno sicurezza, danno ordine al nostro mondo. Ecco perché ci attacchiamo ad esse, anche se sono negative. Infatti, abbandonare una cattiva abitudine è complicato, come nel caso del fumo, non per la dipendenza fisica che può generare la nicotina, ma per le abitudini che abbiamo costruito intorno alla sigaretta. Nelle relazioni interpersonali avviene la stessa cosa, ci attacchiamo ad esse e le abitudini che le circondano, anche se sono negative. In questi casi, non si tratta di amore per la persona, ma di dipendenza emotiva dalla routine costruita con lei.

– Mancanza di auto-conoscenza. Le circostanze della vita ci stanno cambiando, quindi se non “aggiorni” il tuo “io” costantemente, improvvisamente un giorno potresti scoprire che la persona che abita in te è un estraneo. Per questa nuova persona, le tue vecchie abitudini, le illusioni ei vincoli non sono adeguati o non sono più sufficienti, ma se non fai un esercizio d’introspezione non lo saprai mai e resterai intrappolato in un ciclo negativo di insoddisfazione.

Perché è quasi impossibile che trovi la felicità dove l’hai persa?

La risposta è semplice: perché la felicità non sta più lì. E dal momento che la felicità è fondamentalmente uno stato interiore, significa che non sei più la stessa persona e non tornerai a sentirti altrettanto pieno e soddisfatto con quello che in passato ti rendeva felice.

Il primo segnale di solito arriva quando ci si rende conto che le cose che prima ti motivavano non lo fanno più. Alcune persone decidono di esplorare nuovi orizzonti alla ricerca di quelle sensazioni che le facevano sentire vive mentre altre si trasformano in un criceto che corre freneticamente sulla ruota nella speranza di incontrare un po’ di soddisfazione.

Tuttavia, quando un rapporto di coppia si è deteriorato al punto che non ti rende più felice, quando un lavoro ti riempie di disgusto o quando un luogo non è più fonte d’ispirazione e scoperta, è giunto il momento di fare la valigia e mettersi in viaggio alla ricerca di qualcosa di nuovo.

Ciò può essere causato da due fattori: le circostanze sono cambiate così tanto che non ti rendono più felice o tu sei cambiato così tanto che, anche se le circostanze sono le stesse, non ti danno felicità.

Nel primo caso ci si potrebbe chiedere se si può fare qualcosa perché queste circostanze tornino ad essere ideali. Ma devi stare attento a non ingannarti, perché quando le cose degenerano lasciano dei segni dentro di noi e ci cambiano, quindi anche se le circostanze tornano ad essere perfette è probabile che per te non lo siano più.

Un esempio classico è l’infedeltà nella coppia. Per perdonarla ed essere di nuovo felice non è sufficiente che quella persona torni ad essere fedele, è importante che ti assicuri che l’esperienza non ti abbia lasciato un’impronta troppo dolorosa che ti impedisce di essere felice.

Pertanto, è quasi impossibile trovare la felicità nello stesso luogo in cui l’hai persa e dovrai prepararti ad esplorare nuovi orizzonti, sia dentro che fuori di te. Dopo tutto, la felicità è anche ricerca, sorpresa, curiosità e scoperta.

Fonte : https://www.angolopsicologia.com/2017/09/trovare-la-felicita.html

Tratto da: aprilamente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...