Morte del dollaro USA? La Cina lancia il Petro-Yuan

I tanto attesi futures sul petrolio greggio sostenuti dallo Yuan sono stati lanciati a Shanghai. La Cina è il più grande consumatore di petrolio al mondo, con gli occhi sui benchmark rivali Brent e WTI e sulla valuta statunitense. Il trading dei nuovi contratti futures sul petrolio per settembre iniziava alla Shanghai International Energy Exchange con 440,20 yuan (69,70 dollari USA) al barile, riporta il quotidiano South China Morning Post. Secondo quanto riferito, circa 18540 lotti sono stati venduti e acquistati finora.
RT@RT_com
La Cina si prepara a lanciare il petro-yuan prima della fine dell’anno, si profila la fine del predominio del dollaro?
9:55 – 28 ottobre 2017

Il tanto atteso passo ha provocato un’impennata dei prezzi globali del petrolio col Brent Crude salito a 71 dollari al barile per la prima volta dal 2015. Il benchmarkstatunitense West Texas Intermediate (WTI) ha raggiunto il livello più alto in tre anni con 66,55 dollari al barile, prima di ritirarsi a 65,53. Gli esperti vedono i contratti cinesi dominati in Yuan come storici, mentre i nuovi futures simbolizzano la prima volta in cui investitori stranieri possono accedere a un mercato delle materie prime cinese. Il lancio termina anni di battute d’arresto e ritardi dal primo tentativo del Paese di quotare titoli nel 1993. Allo stesso tempo, il lancio del Petro-Yuan è visto come colpo al dollaro USA indebolitosi negli ultimi mesi. Il dollaro USA è la valuta di regolamento predominante per i contratti futures sul petrolio. Il 26 marzo, il biglietto verde è scivolato al minimo dopo 16 mesi contro lo yen giapponese, ma è rimasto stabile contro un paniere di sei valute.
RT@RT_com
Il petrolio sale a massimi pluriennali mentre la Cina lancia petro-yuan
11:04 – 26 marzo 2018

Secondo quanto riferito, le autorità cinesi hanno accelerato il lancio nella crescente importazione di greggio. L’anno scorso, il Paese superò gli Stati Uniti come primo importatore mondiale di petrolio. Pertanto, i contratti potrebbero non solo aiutare a conquistare il controllo sui prezzi dai principali benchmark internazionali, ma anche a promuovere l’uso della valuta cinese nel commercio globale. Il biglietto verde s’indebolirà, non appena le altre nazioni avranno un’alternativa credibile, dice Ann Lee, Professoressa di Economia e Finanza presso la New York University e autrice del libro “Cosa gli Stati Uniti possono imparare dalla Cina“. “È più che un punto di svolta per gli Stati Uniti. Non appena le altre nazioni avranno una reale alternativa credibile al dollaro USA, potranno scaricare i dollari e passare allo Yuan, il che può innescare la crisi del dollaro. Se ciò accade, non solo ci sarà inflazione delle tariffe, ma anche dall’inondazione di dollari“, ha detto Lee.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Per aurorasito

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...