Francia, Sarkozy in stato di fermo per finanziamento illecito dalla Libia

L’ex presidente della Repubblica francese Nicolas Sarkozy è stato fermato dalla polizia nell’ambito di un’indagine sul possibile finanziamento da parte della Libia della sua vittoriosa campagna presidenziale del 2007

L’ex presidente francese Nicolas Sarkozy è in stato di fermo a Nanterre, dopo essere stato convocato dalla polizia nell’ambito di un’inchiesta sui finanziamenti illeciti dalla Libia alla sua campagna elettorale del 2007.

Sarkozy e Gheddafi all’Eliseo (2007)

L’indagine ha preso il via dopo un’inchiesta condotta dal sito di giornalismo investigativo indipendente Mediapart, che nel 2012 pubblicò un documento compromettente per l’ex capo dello Stato. Lo stato di fermo può durare fino a un massimo di 48 ore. Sarkozy potrebbe essere costretto a presentarsi davanti ai magistrati, al termine dei due giorni di custodia, per essere incriminato.

Di cosa si tratta? Secondo l’accusa l’intermediario Ziad Takieddine avrebbe trasportato 5 milioni di euro in contanti da Tripoli a Parigi, tra la fine del 2006 e l’inizio del 2007, prima di consegnarli a Claude Gueant e Nicolas Sarkozy, all’epoca Ministro degli Interni. Indagato per “complicità nella corruzione di pubblico ufficiale straniero” e “complicità nell’appropriazione indebita di fondi pubblici in Libia”, queste accuse confermano quelle mosse il 20 settembre 2012 da Abdallah Senoussi, ex direttore dell’intelligence militare della Libia, davanti alla procura generale del consiglio nazionale di transizione libico.

Come scrive Le Monde anche gli appunti di un ex ministro libico del petrolio, Shukri Ghanem, morto in circostanze misteriose nel 2012, parlerebbero di alcuni pagamenti in denaro a Sarkozy. Bechir Saleh, ex finanziere di Gheddafi e deputato alle relazioni con la Francia, recentemente ferito da colpi di arma da fuoco durante un’aggressione a Johannesburg, rivelò a Le Monde che “Gheddafi aveva ammesso di aver finanziato Sarkozy. Sarkozy nega ma io credo di più a Gheddafi”.

Il fermo a cui è stato sottoposto Sarkozy cosa vuol dire? I giudici hanno in mano altre prove sul finanziamento illecito di cui avrebbe beneficiato? L’ex presidente sino ad ora ha sempre negato ogni accusa. Vediamo cosa accadrà di qui a breve.

Intanto, come riferisce l’emittente Bfmtv, anche l’ex ministro dell’Interno francese, Brice Hortefeux, è stato sentito dagli inquirenti.

Fonte: ilgiornale

Annunci

Un pensiero su “Francia, Sarkozy in stato di fermo per finanziamento illecito dalla Libia

  1. Zar Kosy, un traditore che doveva proteggere Gheddafi ed invece l’ha assassinato con l’ilare clitor e l’altro sarcofago traditore salvio mummiascon. Trasditori anche i medici vaccinisti che hanno sempre evitato con accuratezza ed oculatezza di vaccinare le loro persone ed i loro pargoli. E’ risaputo. Per smascherare i traditori trovo utile quest’informazione di Vera Scienza:
    Approfondimento conclusivo
    Genetista e ricercatore CNR, chiede il ritiro del Decreto Vaccini di Libera Scelta – 11 luglio 2017
    L’accorata lettera di protesta del Prof. Perrino, ricercatore e genetista, al Ministro Lorenzin: “ritiri il DDL… Gli italiani sapranno perdonarla.”
    Ill.ma Ministra Lorenzin,
    sono un Genetista, già ricercatore del CNR, che ora si occupa a pieno tempo di salute.
    Sin dagli anni ’70, mi sono interessato di vaccini. Da favorevole sono diventato contrario. Sono stato convertito dalle CONOSCENZE. Sono tante, ma per ragioni di spazio cito le principali.
    Non sono state le vaccinazioni di massa a salvare l’umanità dalle malattie infettive, ma le condizioni igieniche e l’uso di acqua potabile. Le vaccinazioni di massa sono arrivate dopo. Le case farmaceutiche hanno fatto di tutto per farci credere il contrario, tanto che la maggior parte della gente se n’era convinta.
    Fortunatamente c’è anche molta gente che non la pensa così, in quanto ci sono molti bambini morti o comunque danneggiati dalle vaccinazioni. I VACCINI PREPARATI PER LE VACCINAZIONI DI MASSA NON HANNO NULLA IN COMUNE CON I VACCINI DI UNA VOLTA: PREPARATI IN TEMPO REALE E SOMMINISTRATI CON MODALITÀ PIÙ VICINE A QUELLO CHE FACEVA LA NATURA.
    La gente non si fida dei vaccini moderni perché sono sporchi: contengono pezzi di DNA estraneo e inquinanti vari che causano patologie varie, quando non la morte immediata. A ciò si aggiunga che il virus o il batterio, dopo la manipolazione non sono più quelli selvatici, ma spesso, dipende dal trattamento, sono mutati e quindi possono essere più virulenti e più pericolosi o meno virulenti e quindi addirittura non efficaci. Questi fatti insieme alla genetica dei soggetti vaccinati produce effetti diversi, che vanno, appunto, dalla morte allo sviluppo nel tempo di diverse patologie.
    Le vaccinazioni di massa, quando vanno bene, nel senso che il soggetto vaccinato non mostra patologie, producono immunità a breve tempo (5-10 anni) e non a vita, come invece accade quando la malattia infettiva viene contratta e superata naturalmente. Le malattie esantematiche erano le benvenute, perché inducevano immunità duratura e servivano a rinforzare il sistema immunitario contro altre malattie e disturbi neurologici anche in età avanzata. La gente faceva di tutto per contrarre le malattie esantematiche, perché esse erano garanzia di una vita più sana.
    Le vaccinazioni di massa sono responsabili della diffusione nelle popolazioni di virus e batteri modificati, dai quali la gente, soprattutto non vaccinata, pare si stia difendendo bene, ma su questo punto ritengo che solo uno studio attento potrà dirci quale sarà il futuro dell’umanità, alla quale si è tolta la possibilità di vaccinarsi naturalmente e si è imposta la vaccinazione artificiale. Sappiamo, però, che i bambini non vaccinati si ammalano di meno di quelli vaccinati. Lo sappiamo perché alcuni studiosi hanno svolto queste ricerche e non perché i Ministeri della Sanità si sono preoccupati di verificare se le vaccinazioni di massa fanno veramente bene, come dice la TV.
    Se le vaccinazioni imposte facessero veramente bene, perché si teme che i bambini non vaccinati possano infettare quelli vaccinati? I bambini vaccinati non sono già coperti? Semmai, sono i bambini non vaccinati che dovrebbero temere di essere infettati. I bambini immunodeficienti che non possono essere vaccinati devono temere di più i vaccinati e meno quelli non vaccinati, i quali almeno avrebbero il merito di non essere portatori, fino a quando non si ammalano.
    Il 90% dei bambini nasce già immune al Tetano. Eppure l’antitetanica è obbligatoria. Basterebbe un semplice test per evitare di fare anche questo vaccino.
    Questa nota è stata sollecitata anche da amici che oggi, 11 luglio 2017, sono a Roma per partecipare al presidio permanente dei no-vax davanti al Senato.
    Ministra, faccia un piccolo sforzo, ritiri il DDL. Gli italiani sapranno perdonarla. Bari, 11 luglio 2017 Pietro Perrino

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...