Trump definisce il Dipartimento di Giustizia come “stato Profondo e chiede l’arresto della principale consigliera di Hillary Clinton

Marina Fang
WASHINGTON – Il presidente Donald Trump ha rinnovato il suo attacco al Dipartimento di Giustizia “stato profondo” ed ha detto che la maggiore sostenitrice per la sua rivale elettorale del 2016 Hillary Clinton dovrebbe essere messa in prigione.

Trump, tornato a Washington dopo aver trascorso le vacanze nel suo resort in Florida, ha pubblicato un tweet mattutino che si scaglia contro l’ex assistente di Clinton Huma Abedin, apparentemente in risposta alle e-mail di Abedin rilasciate dal Dipartimento di Stato venerdì.

 

 

Le e-mail, divulgate in risposta ad una causa del Freedom of Information Act presentata dal gruppo conservatore Judicial Watch, sono state scoperte durante la campagna presidenziale del 2016, secondo Politico, parte della ricerca dell’FBI sull’uso da parte di Clinton di un server privato di posta elettronica durante il suo periodo come segretario di Stato. A quanto riferito, Abedin ha inoltrato e-mail al Dipartimento di Stato, incluse alcune che contenevano password, a un account personale. Trump e i suoi alleati di destra continuano a sollevare la questione.

Trump ha anche dichiarato nel suo tweet che il Dipartimento di Giustizia deve agire su “Comey e altri”, un riferimento all’ex direttore dell’FBI James Comey, che stava conducendo le indagini per stabilire se la campagna di Trump fosse stata collusa con la Russia per influenzare le elezioni fino a quando Trump non lo avesse licenziato a maggio.

Trump, in tweets e interviste, ha ripetutamente cercato di indebolire il suo Dipartimento di Giustizia e l’FBI mentre l’indagine russa si intensificava. Ha criticato il procuratore generale Jeff Sessions numerose volte per essersi autoproclamato dalla supervisione dell’indagine sulla Russia, e afferma di avere il diritto di dirigere personalmente le indagini governative.

La scorsa settimana, Trump ha affermato in un’intervista al New York Times di avere il “diritto assoluto di fare ciò che voglio fare con il Dipartimento di Giustizia”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...