Magaldi: elezioni-farsa, poi finalmente toccherà agli italiani

Preparatevi all’ultima farsa dei morti viventi: fingono di candidarsi per governare il paese, ben sapendo che non ci proveranno neppure, perché occuparsi seriamente dell’Italia significa sfidare Bruxelles. Il loro unico obiettivo? Tentare di salvare la poltrona, col terrore di non riuscirci: la coperta delle larghe intese sarà troppo stretta, in tanti resteranno al freddo e fatalmente daranno filo da torcere all’inciucio, al governicchio che Mattarella proverà comunque a mettere in pista, per tirare a campare ancora un po’. Tradotto: «Queste elezioni saranno senza vincitori e daranno vita a un esecutivo dal respiro corto, un ectoplasma come il governo Letta o quello di Gentiloni». Dopodiché, tempo scaduto: sarà la fine, per questi partiti che oggi promettono di avere ancora un futuro davanti a sé. «E lo sanno, che è l’ultima fermata», perché poi finiranno i residui scampoli di illusione, dalla chimera Renzi al surreale Berlusconi. Tutti a casa, e palla al centro: toccherà finalmente agli italiani, dopo tanto tempo. Ne è convinto Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, osservatore ravvicinato della politica nazionale ed europea. Pronostico: la crisi, sempre più feroce, indurrà la popolazione a scendere in campo direttamente, occupandosi del proprio destino. Obiettivo: un cambio radicale di paradigma. Giù le tasse, fine dell’austerity, stop ai trattati-capestro dell’Ue, recupero della sovranità finanziaria nazionale.

Ai microfoni di “Colors Radio”, Magaldi offre una visione precisa dello scenario che si va preparando. «Punto primo: nessuno dei tre blocchi vincerà le elezioni, nessuno sfonderà e nemmeno crollerà». In altre parole, si prefigura la peggiore delle Gioele Magaldiprospettive possibili: «Il centrodestra si illude di fare mirabilie sull’onda del voto siciliano ma resterà deluso, così come Salvini e la Meloni che, in ossequio all’alleanza elettorale con Berlusconi, si scoprono ogni giorno più moderati». Più in calo il clan renziano del Pd, che però non è ancora pronto a rottamare il leader, «anche solo per una questione di poltrone da mantenere». I 5 Stelle? «E’ vero che molti militanti sono delusi dalle perfomance dei dirigenti, ma intanto sono curiosi di vedere come se la caverà di Maio, che comunque in nessun caso sarà premier». Governo tecnico? Giammai: «Gli italiani si sono “vaccinati” con Monti, hanno imparato che i tecnocrati di quel calibro sono ancora meno trasparenti dei politici: obbediscono a interessi inconfessabili. E Mattarella, che magari non brilla di molte virtù, non ha però la protervia di Napolitano: incaricherà una figura incolore, probabilmente destinata a durare poco».

Nel frattempo, si augura Magaldi, gli italiani apriranno gli occhi: «Per anni hanno votato politici che baravano sistematicamente: si candidavano a rimettere in piedi il paese, sapendo benissimo che invece non avrebbero contato nulla, di fronte ai poteri forti internazionali». Lo stesso Renzi si è limitato a fingere di fare le riforme che Berlusconi aveva solo promesso per vent’anni, e i 5 Stelle vanno alle elezionisenza un programma di governo per l’Italia. Poi ci sono i cespugli, più o meno imbarazzanti, come “Liberi e Uguali”, con Pietro Grasso «intronato da quattro amici al bar». E la Bonino, che ottiene il simbolo da Tabacci per evitare di raccogliere le firme per candidarsi? «Stupisce un simile gesto da una radicale: se fatta bene, proprio la raccolta firme è un’occasione per fare campagna elettorale in modo democratico, presentandosi ai cittadini». Tutti a Renzicasa? L’astensionismo sarà alto, le premesse ci sono tutte: nessuno dei concorrenti ha idee spendibili per risollevare le sorti del paese. «Ma restare a guardare non è una soluzione», sostiene Magaldi, che sta lavorando per la nascita di un nuovo soggetto politico liberalsocialista, il Pdp (Partito Democratico Progressista), con una prospettiva rivoluzionaria: respingere al mittente il paradigma neoliberista del rigore europeo.

Finita la farsa elettorale del 4 marzo, dice, sotto la spinta dell’inesorabile crisieconomica gli elettori smetteranno di regalare deleghe in bianco a partiti nei quali non hanno più alcuna fiducia. «Si sta avvicinando la fine di un ciclo, questo è certo: niente sarà più come prima. Dopo le elezioni 2018, tutti si accorgeranno che nessuno dei candidati ha gli strumenti per rappresentare degnamente l’Italia, affrontando la crisi in modo adeguato». Gli italiani? «Toccherà a loro decidere: se restare a casa ancora una volta, o partecipare direttamente alla costruzione di un futuro diverso, diametralmente opposto a quello sin qui confezionato dal finto centrosinistra e dal finto centrodestra, entrambi asserviti alle logiche sovranazionali, supermassoniche, che hanno orientato l’Unione Europea: un apparato burocratico “matrigno”, manovrato esclusivamente da interessi privati, industriali e finanziari». Nessuno lo dice apertamente, certo: anche per questo, il voto del 4 marzo sarà davvero una farsa. L’ennesima, l’ultima. Poi, dice Magaldi, qualcosa dovrà per forza succedere: questo paese, alla fine, dovrà svegliarsi.

fonte: libreidee

Annunci

3 pensieri su “Magaldi: elezioni-farsa, poi finalmente toccherà agli italiani

  1. Il Movimento Roosvelt non è altro che uno dei prodotti massonici al servizio delle elitè e del NWO, già quando ho letto che Magaldi dice che i 5 Stelle non hanno un programma (scaricabile dal blog e presentato in tutte le loro conferenze) si capisce che usa gli stessi mezzucci degli altri, tra cui la menzogna, contanto sull’ignoranza e sulla poca voglia di informarsi della gente.

    Mi piace

  2. Pingback: Magaldi: elezioni-farsa, poi finalmente toccherà agli italiani – giobarblog

  3. @Gentili & attenti LETTORI,

    ho partecipato recentemente in FVG alla presentazione di un libro sulle Logge Massoniche Internazionali “UR LODGES” scritto proprio da Gioele MAGALDI Grande Maestro del 33° GRADO di una nuova Loggia da lui fondata dopo essere uscito dal GRANDE ORIENTE d’ ITALIA, durante la conferenza è emerso che alcune di queste condizionano POPOLI & NAZIONI intere ad una la “TRE EYES=TRE OCCHI” appartiene uno dei “peggiori” per Me Ex-Presidenti Nazionali il tanto discusso NAPOLITANO;

    nell’ elenco troviamo una lunga lista di nomi importanti & potenti dell’ ECONOMIA-POLITICA-SCIENZA etc. italiani come il discusso “baffetto” D’ ALEMA ma anche illustri “religiosi” tra i quali con mio grande dispiacere pure il “PAPA BUONO” il GIOVANNI XXIII, nessuno ha mai smentito o querelato il MAGALDI per quanto scritto pertanto la domanda che dobbiamo farci è ESISTE anche una MASSONERIA “BIANCA” oltre a quella “NERA” che tanti lutti & miserie ha causato all’ UMANITA’ !!!???

    SDEI

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...