Entità iperdimensionali: cosa mistici e profeti hanno rivelato nei secoli

E’ da millenni che nella storia di tutta l’umanità, le entità iperdimensionali vengono riconosciute e discusse e non solo: l’umanità viene messa in guardia sulla loro presenza.

Naturalmente ci sono persone che ancora prendono in giro coloro che parlano di simili esseri e continuano a credere che siano invenzioni fantasiose della mente umana.

Tuttavia, il fatto che così tante culture, tradizioni e spiritualità abbiano discusso la natura di queste creature, usando per loro nomi diversi ma essenzialmente descrivendo la stessa cosa, fa supporre che essi esistano.

Sono millenni che ci mettono in guardia sul fatto che l’umanità è sotto attacco psichico da parte di esseri energetici disincarnati, che seminano pensieri di giudizio, separazione, ansia, rabbia e paura, per poter generare energia emozionale negativa, che ci spillano come cibo.

Quando ci si mette ad indagare su quale forza sia veramente dietro il New World Order (Nuovo Ordine Mondiale) la mega cospirazione, si finisce con l’indagare su queste entità iper dimensionali , che possono essere gli ammaestratori all’origine, i maestri delle marionette e gli autori della manipolazione di tutta l’umanità.

Oltre la banda di frequenza della normale percezione

Dobbiamo prendere seriamente in considerazione l’idea che un dominatore o dei dominatori nascosti di questo pazzo mondo, siano invisibili o almeno operino da frequenze oltre la percezione normale.

Dopo tutto, nessuno conosce esattamente la fonte dei pensieri. Se ci fosse una forza in grado di controllare quali pensieri vengono irradiati nella mente, allora ogni essere vivente sarebbe vulnerabile ad un attacco psichico.

Queste entità dimensionali si dice siano in grado di infiltrarsi nella nostra mente, far udire la loro voce come fosse la nostra ed indurre la persona ad accettare i loro inviti e tutto con l’obiettivo di generare paura, che è il loro cibo.

Sono forse costoro gli “dei” del tempo antico, che chiedevano sacrifici? Sono forse degli spiriti malvagi che si impossessano delle persone? Sono forse maestri di inganno che ci tengono continuamente nella paura e fuori dal nostro centro di potere, ovvero il nostro cuore?IMG_0572

Nel seguito trovate una lista [la prima parte] di diverse tradizioni e culture che descrivono, usando le loro idee ed il loro termini, queste entità iperdimensionali

 

entità iperdimensionali: gli Arconti (gli Gnostici)

Gli antichi Gnostici, venivano chiamati così da gnôsis, la parola greca che significa conoscenza o visione interiore. Lo Gnosticismo fu una religione vagamente organizzata, nonché un movimento filosofico che fiorì nel I e II secolo dC.

Gli Gnostici, credevano che il mondo materiale fosse il risultato di un errore primordiale da parte di un essere divino (di solito chiamato Sophia [Saggezza] o il Logos. Attribuivano la creazione e il controllo del mondo materiale a un essere semi-divino, una creatura ignorante che veniva chiamata Saklas (lo stupido), o Ialdebaoth (il dio cieco) o il Demiurgo (dal greco dêmiourgos che significa artigiano, ma che gli gnostici intendevano come l’architetto o una forza creativa inferiore).

Nella mitologia/cosmologia gnostica, sia Sophia che il Demiurgo, sono subordinati all’Essere Supremo/al Cosmo (Dio). Il demiurgo era antagonista a qualsiasi cosa fosse spirituale ed aveva un gruppo di servitori noti come gli Arconti (che in greco significano sovrani).

Il Libro che il Vaticano non ti farebbe mai Leggere – Libro

Non a sua immagine – Visione gnostica, ecologia sacra, e il futuro della fede

La ricerca dello studioso gnostico John Lash, rivela che gli Gnostici erano sciamani mistici antichi che raggiungevano alti livelli di consapevolezza perché sapevano della loro diretta connessione con il cosmo e davano grande importanza al principio femminile (Sophia) per poter vivere delle vite equilibrate. Questo studioso giunge alla conclusione che la Chiesa cattolica temette il loro potere e quindi li uccise e mise al bando i sopravvissuti, sotto terra.

“I rotoli del Mar Morto”, scoperti in Palestina a Qumran ed i codici di Nag Hammadi, scoperti in Egitto (entrambi negli anni ’40), sono importanti testi gnostici che rivelano la verità sugli Arconti. Ecco una citazione dall’apocrifo Giovanni, in un testo di Nag Hammadi:

“essi cercarono prendere potere sull’umanità, sulle sue funzioni percettive e psicologiche ….anche se videro che il pensare umano era superiore ai loro… la loro delizia è amara e la loro bellezza depravata ed il loro trionfo è nell’inganno, che porta fuori rotta, dato che tutta la loro struttura è senza divinità”

Gli Gnostici postularono l’idea di una presenza aliena predatoria, che traeva piacere nel dolore degli altri e che usava l’inganno come mezzo. Scollegati dal loro stesso potere (“senza divinità”), divennero parassiti che dovevano rapire l’energia degli altri per sopravvivere.

2. entità iperdimensionali: i Demoni (Cristianesimo)

Queste stesse forze sono chiamate Demoni, nella tradizione cristiana. In questa famosa citazione presa dagli Efesini 6:12:

[“poiché il combattimento nostro non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono ne’ luoghi celesti].

Qui le creature sono veramente chiamate “dominatori” e “autorità”, cosa che fa eco direttamente col linguaggio usato per descrivere gli Arconti dei Rotoli del Mar Morto e dei testi di Nag Hammed:

“poiché la nostra battaglia non è contro sangue e carne, ma contro i dominatori, contro le autorità di questo mondo oscuro e contro le forze spirituali del male nei regni celesti”

Il Cristianesimo contiene anche una tradizione di esorcismo di spiriti maligni. Il Vangelo contiene molte storie di Gesù che scaccia spiriti maligni. Tale tradizione continua fino ai giorni nostri. Padre Gabriele Amorth fu un funzionario Vaticano, per 30 anni esorcista della diocesi di Roma. Fu anche il fondatore della Associazione Internazionale degli Esorcisti.

3. Entità iper-dimensionali: Jinn / Djinn (mitologia araba)

Nell’ Arabia pre-islamica, prima dell’ascesa del profeta Maometto nel VI secolo dC, la mitologia araba contiene riferimenti a Jinn o Djinn, che venivano considerati come spiriti sovrannaturali (e potevano essere buoni o cattivi). Jinn è una classificazione di un numero di diversi tipi di esseri soprannaturali.

Il libroThe Evolution of the Concept of the Jinn from Pre-Islam to Islam descrive come questi potessero apparire come puri esseri spirituali o angeli o demoni, come indicato da Ibn Manẓūr, nel “Lisān al-Arab”:

“le genti dello Jahiliyyah chiamavano angeli- pace a loro- i Jinn perché erano invisibili alla vista”

Potevano anche essere creature tangibili, particolarmente con caratteristiche simili all’animale, come viene affermato nella Encyclopedia of Religion and Ethics:

“… non erano puri spiriti, poiché spesso venivano rappresentati come pelosi e spesso come aventi forma di uno struzzo o un serpente”

Il libro menziona quattro specifici tipi di Jinn, nel mondo pre-islamico:

1. I Ghūl: da cui l’inglese prende la parola “ghoul” (amante del macabro). Costoro erano deboli del deserto che si credeva facessero furti nelle tombe e che divorassero i cadaveri. Sembra che apparissero in forme diverse, spesso animalesche. Potevano apparire e scomparire “come la luce di una torcia”. Lasciavano dietro di sé un cadavere fisico quando venivano uccisi, così si dice nel poema di Ta’abbata Sharran:

“passai la notte, disteso su di lei, aspettando il giorno per vedere cosa avevo catturato. Quindi trovai due occhi in un orribile testa, simile a quella di un gatto con la lingua biforcuta”

2. Gli Si’lah: non mi è chiara la differenza tra questo e il precedente. Questi sembrano essere più intelligenti e subdoli. Esiste altresì la storia di una che si sposa e ha dei figli umani. Forse che questi sono attivi durante il giorno anziché la notte, oppure che Se’lah sia femminile, mentre il precedente maschile. Ma non sembra che sia una definizione universalmente accettata

3.Lo Shiqq: questo era un uomo con solo metà di un corpo che poteva picchiare un umano fino alla morte, se l’ho incontrava. Da Al-Jāḥiẓ:

“là mi apparve un shiqq. Aveva una sola mano, un solo occhio, una sola gamba. Recitavano una poesia tra loro, poi si colpirono ed entrambi caddero morti”

4. Gli Shaytan: la parola inglese “satana”, deriva da questa parola araba. Queste creature venivano notate per essere intelligenti, acute, potenti e di solito ribelli.

4. entità iperdimensionali: gli Shaytan / Satan (Islam)

Sebbene lo Shaytan (plurale Shayatin) appartenga alla mitologia araba preislamica, il fatto che Maometto fosse stato ingannato da uno di loro (e parlò apertamente di questo) ha elevato questo personaggio nel folclore islamico.

Nel Corano, c’è la storia di Iblis, il primo Shaytan, che pare fosse stato creato da Allah (Dio) da un fuoco così puro che nemmeno il fumo poté deturpare la sua bellezza.

Questo è interessante, perché il riferimento agli Arconti fatti da un fuoco senza fumo, spunta ripetutamente nelle diverse tradizioni

Iblis si rifiutò di inchinarsi ad Adamo (che dopotutto era solo un uomo fatto di argilla) e quindi Allah lo bandì dal paradiso.

Iblis giurò vendetta su Adamo e su tutti gli uomini di argilla come lui. Iblis viene considerato il Signore di tutti gli Shayatin e si dice che abbia radunato un esercito di Shayatin e di Jinn, per perseguitare l’umanità.

Un Shaytan viene descritto come una forza indiscriminata ed una voce sussurrante, visibile solo agli asini, che ragliano allarmando disperati, quando lo vedono avvicinarsi.

Di nuovo questo è notevole, poiché mettere a fuoco il fatto che queste entità iper-dimensionali, sono al di fuori del range normale della percezione umana, ma non al di fuori delle percezioni di altre creature come gli animali come gli asini (o i gatti) e non sono al di fuori del range della percezione umana, quando una persona (attraverso la volontà, l’intento e persino sostanze psichedeliche), espande il suo range percettivo

5. entità iper-dimensionali: Forze Ostili (Sri Aurobindo, la Madre, Rudolf Steiner)

Sri Aurobindo fu un saggio indiano che fondò lo Yoga Integrale. Egli scrisse sugli Arconti usando il termine “forze ostili”

“ essa [la forza avversa] è il Potere che nel mondo tiene nell’ignoranza e nell’oscurità : verrà distrutta solo quando l’umanità non sarà più innamorata dell’ignoranza e dell’oscurità. Ogni sadhak deve toglierla dal contatto con il suo essere. Quando se n’è andata da questi, allora non ci saranno più serie difficoltà nel sadhana [la pratica] della persona… le forze ostili sono i Poteri dell’Oscurità in rivolta contro la Luce e la Verità e vogliono tenere questo mondo nell’oscurità e nella ignoranza.
Ogni volta che qualcuno vuole raggiungere la Verità, per realizzare il Divino, queste si mettono ad ostacolo il più possibile… a volte possiedono uomini per potere agire attraverso di loro, a volte nascono in un corpo umano. Quando il loro uso nel gioco è finito, allora cambiano o scompaiono, o non cercano più di intervenire nel gioco terrestre”

La Madre (Mere), una donna molto vicina e collegata a Sri Aurobindo e al suo lavoro, parla di questo qui, mentre delucida sulla possessione di uno spirito o sulla possessione demoniaca:

“domanda: quando un essere viene posseduto da una forza stile, cosa succede alla sua psiche?

La Madre: dipende dal grado della possessione. Di solito è qualcosa di progressivo. Prima c’è un’influenza sotto cui la persona giunge. Secondariamente l’influenza diventa permanente e c’è una parte dell’essere che deteriora, che è costantemente sotto questa influenza e la esprime. Dopo di ciò l’essere che ha gettato quest’influenza cerca di entrare in quella parte. Quindi, di solito, questo produce un conflitto, una sorta di battaglia interiore… se uno non sa come resistere e come vincere nel mollare la presa, allora gradualmente l’essere che ha afferrato una parte della persona, agisce come un polipo e diffonde i suoi tentacoli proprio come lui, lo fa lentamente e dovunque e infine c’è la possessione totale. Nel momento della possessione totale, una persona posseduta diventa completamente squilibrata, oppure diventa una specie di mostro…”

Rudolf Steiner

È noto che molte cose incluse le sue idee rivoluzionarie sulla pedagogia. Anche lui era molto consapevole degli Arconti:

“ci sono esseri nei regni spirituali per cui l’ansia e la paura che emanano gli esseri umani, offrono ottimo cibo

Se gli umani non hanno ansia né paura, queste creature muoiono di fame… se la paura e l’ansia emanano dalle persone e costoro irrompono nel panico, allora queste creature trovano perfetta nutrizione e diventano sempre più potenti

Questi esseri sono ostili verso l’umanità. Tutto ciò che alimenta sentimenti negativi, ansia, paura, superstizione, disperazione o dubbio, sono in realtà forze ostili nei mondi sovrasensibili, che lanciano degli attacchi sugli esseri umani, mentre vengono nutriti.

Quindi è soprattutto necessario, per cominciare, che la persona che entra nel mondo spirituale, superi la paura, sentimenti d’impotenza, disperazione e ansia. Ma questi sono esattamente gli stati d’animo che appartengono alla cultura contemporanea e al materialismo; poiché ciò estranea le persone dal mondo spirituale, è particolarmente adatto per evocare disperazione e paura dell’ignoto nelle persone E quindi per chiamare a raccolta le forze ostili sopra citate, contro di loro.”

./. continua

by Makia Freeman

fonte: wakingtimes

traduzione Cristina Bassi per www.thelivingspirits.net

 

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “Entità iperdimensionali: cosa mistici e profeti hanno rivelato nei secoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...