I Bambini Non Vaccinati Sono Più Sani Dei Vaccinati? Secondo Alcuni Studi Sembrerebbe Di Si…

Alcuni studi hanno confrontato la salute dei bambini non vaccinati ai bambini vaccinati.
Molti scienziati pubblicano ogni anno i documenti che rendono chiari i diversi problemi riguardanti i vaccini, compresa la vaccinazione forzata,  richiedono ulteriori discussioni.

Traduzione a cura di Medic Bunker La Verità

Infatti, quando il congresso Bill Posey ha presentato questa preoccupazione al CDC nel 2012, hanno cercato di eludere la sua domanda diverse volte prima di ammettere che non hanno effettuato un tale studio. ( Fonte )
Uno studio pilota pubblicato il 27 aprile pubblicato nel Journal of Translational Sciences che coinvolge più di circa 700 ragazzi di età compresa tra i 6 ei 12 anni di età provenienti da quattro stati americani ha confrontato 261 bambini non vaccinati a 405 bambini parzialmente o completamente vaccinati, tenendo conto della loro salute generale Sulla base di registrazioni di vaccinazioni e malattie diagnosticate dal medico. Lo studio ha trovato alcune informazioni allarmanti.

Secondo quanto riportato dall’Istituto di ricerca sulla sicurezza medica dei bambini (CMSRI), lo studio ha rilevato che i bambini vaccinati avevano più di tre volte maggiore probabilità di essere diagnosticati sullo Spettro dell’autismo. Inoltre, ha rilevato che i bambini vaccinati avevano trenta volte maggiore probabilità di essere diagnosticati con rinite allergica (febbre da fieno) rispetto ai bambini non vaccinati. I bambini vaccinati avevano più di quattro volte il rischio di essere diagnosticati con disabilità di apprendimento rispetto ai bambini non vaccinati e avevano più di 300% di probabilità di ricevere una diagnosi ADHD. Avevano anche 340% maggiori probabilità di essere diagnosticati con la polmonite e erano in grande rischio di contrarre la malattia cronica in generale.

Sulla base delle scarse informazioni disponibili, il primo recente del suo studio e le informazioni raccolte nei primi anni ’90 sembra che i bambini non vaccinati siano più malati dei bambini vaccinati.

Non è un segreto che sempre più genitori stanno scegliendo di non vaccinare i propri figli, e per buona ragione.

Quindi domanda, perché i media aziendali continuano a ridicolizzare chi non sceglie di vaccinare, o anche chi semplicemente domina le vaccinazioni? Non è ciò che riguarda la vera scienza; Si tratta di guardare tutte le informazioni da una prospettiva neutrale. Media mainstream ha deriso e ridicolizzato i cosiddetti “anti-vaxxers”, e la maggior parte della gente crede semplicemente alla loro narrazione. Non hanno mai sentito parlare di centinaia, se non di migliaia, di medici, ricercatori e pubblicazioni che emergono ogni singolo anno per interrogare l’efficacia dei vaccini.

Questo è evidente guardando le statistiche semplici, come un nuovo studio pubblicato nella rivista

EbioMedicine 

 dimostra: “Negli ultimi due decenni sono emerse varie controversie di vaccini in vari paesi, tra cui la Francia, che inducono preoccupazioni per gravi effetti avversi e riduce la fiducia nelle autorità sanitarie , Esperti e scienza. Queste due dimensioni sono al centro della esitazione del vaccino (VH) osservata nella popolazione generale “.

Lo studio conclude con l’osservazione che “dopo controversie di vaccini ripetuti in Francia, esiste un certo VH tra i medici generici francesi, i cui comportamenti raccomandati dipendono dalla loro fiducia nelle autorità, sulla loro percezione dell’utilità e sui rischi dei vaccini e sul loro comfort per spiegarli”.

Questo era in Francia, ma è un fenomeno globale. Negli Stati Uniti, ad esempio, un nuovo studio

pubblicato nella rivista  Pediatrics

  ha rilevato che molti pediatri non raccomandano fortemente il vaccino HPV.

Causa non significa correlazione, dici?

Sono spesso pubblicati studi che traggono connessioni difettose tra i fenomeni. Ecco perché esiste il criterio di Bradford Hill. È un gruppo di linee guida che aiutano a determinare se c’è una vera relazione causale delle cose.

Quindi, se stai pensando che la causalità non significa correlazione, si prega di fare riferimento a tali linee guida. Gli autori degli studi sono ovviamente dal mondo dell’università e hanno pubblicato diversi studi rivisti. Combinati con tutti i centinaia di studi che suscitano anche preoccupazioni, il loro parere indica almeno un dibattito aperto e sano. La scienza non ha chiaramente risolto questo problema.

Oltre l’associazione

Utilizzando le raccomandazioni dei criteri di Bradford Hill, risulta chiaro da molti studi che vi sia un collegamento diretto tra vaccini e disturbi dello sviluppo.

Prendiamo ad esempio l’alluminio, che è stato aggiunto ai vaccini per circa 90 anni. Un fatto inquietante che molte persone non sanno ancora è che gli enti alimentari e farmaci (FDA) e i produttori di vaccini non hanno condotto o incluso  in studi / prove di tossicità adeguate che dimostrano la sicurezza dell’alluminio o di qualsiasi altro ingrediente in materia. Questi ingredienti sono stati messi nei vaccini in base all’assunto che siano sicuri.

Se guardiamo dall’altro lato della moneta, è ora consolidata nella letteratura scientifica che l’alluminio può condurre ad una serie di disabilità neurodevelopmentali e gravi conseguenze autoimmuni nell’uomo.

Sappiamo, dall’opera di

Richard Flarend

 , che l’alluminio è comunemente assorbito nel corpo, in aree che non dovrebbe essere e è stato trovato in vari campioni di urina da più studi che esaminano questo argomento. Questo vale per l’alluminio di più fonti, non solo nei vaccini.

Sappiamo anche che se un carico di alluminio significativo supera la capacità del corpo di sbarazzarsi, viene depositato in diversi tessuti all’interno delle ossa, del cervello, del fegato, del cuore, della milza e dei muscoli.

“Abbiamo sempre più questo composto che non faceva parte di alcun processo biochimico sulla Terra, che ora può andare e fare il caos, che è esattamente quello che fa. Provoca tutti i tipi di reazioni biochimiche insolite “.

– il dottor Chris Shaw, neuroscienziato e professore all’Università della Columbia Britannica

Ecco un ottimo video del

dottor Christopher Exley

 , professore di chimica bioinorganica dell’Università Keele e professore onorario dell’UHI Millennium Institute. È conosciuto come uno dei principali esperti mondiali sulla tossicità di alluminio.

Quando si tratta di vaccini, il problema è che l’alluminio non entra nello stesso metodo di escrezione quando somministrato sotto forma di vaccino. Questo è l’intero punto di adiuvante – sono destinati a rimanere in giro e consentire che l’antigene venga presentato più e più volte. Non può essere escreato perché deve prevedere un’esposizione prolungata dell’antigene al sistema immunitario. Ecco perché lo mettono nei vaccini in primo luogo.

Uno

studio

 piuttosto recente pubblicato in

Frontiers of Neurology

 spiega come questa biopersistenza – dimostrata dalla sua

“capacità di migrare negli organi linfoidi e poi diffondersi in tutto il corpo all’interno di cellule di linee di monociti e accumularsi progressivamente nel cervello”

 – è così fastidiosa.

Inoltre, sottolinea che “nonostante il loro lungo utilizzo, la letteratura ha sottolineato che i meccanismi di adiuvanti dei sali di alluminio rimangono fondamentalmente sconosciuti nonostante le indagini più attive sul campo negli ultimi anni”.

Gli studi sugli animali hanno anche mostrato la stessa cosa.

Uno

studio

 pubblicato in

BioMed Central

 (citato anche nello studio precedente)

 

nel 2012 ha trovato più motivo di preoccupazione:

“L’iniezione intramuscolare di vaccino contenente alcool è stata associata all’aspetto di depositi di alluminio negli organi distanti, come la milza e il cervello in cui erano Ancora rilevati un anno dopo l’iniezione “.

Più studi hanno concluso che, a causa di questi depositi, l’alluminio dei vaccini può portare a molteplici disordini neurodegenerativi, tra cui Alzheimer e Autismo.

Per ulteriori informazioni sull’alluminio nei vaccini, è possibile fare riferimento a questo articolo che abbiamo pubblicato in precedenza:

“Nonostante i loro lunghi usi come agenti attivi di farmaci e fungicidi, i livelli di sicurezza di queste sostanze non sono mai stati determinati né per gli animali né per gli adulti, tanto meno per i feti, i neonati, i neonati e i bambini”.

– 

 Jose G. Dores, professore presso il Dipartimento di Scienze Nutrizionali dell’Università di Brasillia. (

Fonte

 )

L’alluminio è solo un esempio che va oltre l’associazione

L’alluminio è solo un esempio di ingredienti pericolosi per la vaccinazione. Mercurio è un altro. Ci sono centinaia di studi, di cui 80 sono stati presentati in una conferenza stampa con Robert De-Niro e Robert F. Kennedy Jr, che mostrano un’alta causa di preoccupazione. Al contrario, ci sono zero che dimostrano che è sicuro iniettarlo nei neonati. Potete scoprire di più su questo articolo:

Inoltre…

Questi studi sono solo alcuni esempi. Se andiamo oltre la scienza, abbiamo un numero di esempi di frodi scientifiche e della manipolazione della scienza. Forse il più visto  nell’apertura delle ultime notizie è l’autore di studi CDC multipli che sono più comunemente citati per eliminare il legame tra il vaccino MMR e l’autismo. Il dottor William Thompson ha dichiarato che i CDC hanno falsificato i dati e che esiste un legame tra i vaccini e l’autismo. Era  “il punto più basso ” della sua carriera quando  “andava avanti con quella carta”.  Ha continuato a dire che lui e gli altri autori  “non hanno segnalato significativi risultati”  e che è  “completamente vergognato”  di quello che ha fatto. Era  “complicità e se ne andò con questo, 

Si può leggere di più su questa storia

qui

 .

Per una panoramica delle frodi e della scienza popolare, è possibile fare riferimento a questo articolo:

Vado anche in dettaglio per quanto riguarda le frodi scientifiche relative ai vaccini in

questo

 articolo.

Non è su “Anti-Vaccine” o “Pro-Vaccine”

È inquietante vedere i media principali continuano a spingere l’idea che si tratti di un caso aperto e chiuso: i vaccini sono necessari per il bene maggiore, che salvano vite e che non c’è motivo di mettere in discussione la loro amministrazione o gli ingredienti.

Come te stesso, perché sono tanti medici e scienziati che pubblicano documenti e interrogano l’efficacia dei vaccini e non ricevono alcuna copertura dai media aziendali?

Perché sono coloro che si interrogano e vogliono parlare di vaccini contrassegnati con “anti-vaccino”? La cosa divertente è che le persone come il dottor William Thompson e Robert F. Kennedy junior sono in realtà “pro-vaccino”.

Anche se sostenete le vaccinazioni, non puoi negare che la quantità di prove che giustifichi la preoccupazione è enorme e l’ultima cosa che dobbiamo fare è chiamare questo caso aperto e chiuso senza la possibilità di un ulteriore dialogo e discussione. Questo è l’esatto contrario di quello che la scienza cerca https://medicbunker-la-verita.blogspot.it/2017/07/i-bambini-non-vaccinati-sono-piu-sani.htmldi realizzare e finchè gli studi continuano a emergere mostrando i pericoli associati alle vaccinazioni, così saranno le domande e le controversie. Una cosa è certa, queste etichette non aiutano e servono solo a dividerci.

Quando il mondo aziendale cerca di interrompere la semplice discussione e l’interrogatorio, è il momento di iniziare a scavare.

Fonte: medicbunker

Tratto da: complottisti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...