Obbligo vaccini: la politica ha abbandonato i genitori italiani

La-manifestazione-di-Pesaro1E’ inutile nasconderselo: in questi giorni stiamo provando tutti una forte frustrazione, dovuta alla questione dei vaccini. E il fatto che il decreto-legge stia per passare grazie ad una mozione di fiducia – senza quindi nemmeno una parvenza di discussione in aula – non fa che aumentare le sensazione di ingiustizia che ci opprime tutti. Va benissimo andare a Pesaro, stringersi in un abbraccio e contarsi fra di noi. Ma che ci fossero 5.000 oppure 30.000 persone non fa molta differenza, nel momento in cui i media decidono compatti di non dare nessun risalto particolare a questo evento. Ed è proprio questo che fa scattare la frustrazione: l’impossibilità di far sentire la propria voce. Normalmente, il dissenso trova due strade per arrivare al resto della popolazione: la prima è quella di una adeguata eco mediatica, che dia una giusta risonanza alle proprie esigenze. La seconda è quella di un’adeguata rappresentazione politica, da parte di almeno una fetta dell’arco elettorale.

Finché c’è un partito, per quanto piccolo, che si faccia carico di dare voce alle sue istanze, il cittadino si sente comunque rappresentato e, anche se in minoranza, sa di avere voce in capitolo. Ma nel momento in cui non solo nessuna testata La manifestazione di Pesarogiornalistica decide di dare appoggio alla tua causa, ma anche nessun partito politico decide di farne la propria bandiera, ecco che scatta la frustrazione. Il riferimento alla mancata presenza dei 5 Stelle in questa battaglia è fin troppo evidente. Non solo la loro mossa vigliacca di sfilarsi dal confronto sui vaccini (per paura di venire etichettati come antivax) ha lasciato senza rappresentanza una grossa fetta di popolazione, ma ormai sistematicamente da oltre un mese i cinque stelle stanno comunque perdendo terreno nei sondaggi. Galleggiavano nelle vicinanze del 30% nel mese di maggio, e ora sono scesi intorno al 27.

E purtroppo questo trend sembra destinato a continuare, nel senso che più i 5 Stelle cercano di apparire “responsabili” e “degni di governare”, più finiscono per assomigliare sempre di più agli altri partiti, ovvero ad entità ambigue e poco rispettabili, il cui vero scopo non sia quello di difendere gli interessi dei cittadini, ma di difendere quelli di coloro che li controllano. Come diceva Honoré de Balzac, «da quando le società esistono, un governo è sempre stato, per forza di cose, un contratto di assicurazione concluso fra i ricchi contro i poveri». Forza 5 Stelle, avanti di questo passo sarete presto anche voi “degni di governare”.

(Massimo Mazzucco, “La frustrazione”, dal blog “Luogo Comune” dell’11 luglio 2017).

Tratto da: libreidee

Annunci

3 pensieri su “Obbligo vaccini: la politica ha abbandonato i genitori italiani

  1. Ben vengano le manifestazioni e,se nessun partito ci rappresenta forse è il caso di chiedersi a cosa servano e soprattutto a smettere di delegare ed assumersi in toto la propria responsabilita’.

    Mi piace

  2. Il problema più grande siamo NOI purtroppo, non loro. Noi che con la nostra memoria siamo capaci di ricordare il risultato della finale di tutti i mondiali di calcio e chi segnò, ma dimenticheremo entro settembre questi politici e l’assenza totale di interesse verso il popolo, peraltro loro unico dovere.
    Basterebbe la memoria per ridurre, alle prime elezioni, al primo comizio, i partiti storici allo zero assoluto o quasi.
    La colpa è SOLO NOSTRA.
    Chi è causa del suo mal, pianga se stesso.

    Mi piace

  3. Articolo pieno di menzogne.Non mi risulta che sia stata posta la fiducia, e la battaglia è ancora in corso, con la presentazione di 300 emendamenti. Da tempo Mazzucco attacca i 5Stelle quando può, probabilmente per motivi personali che non conosco, ma di sicuro quello screditato, tra i “complottisti” doc, è lui.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...