FBI arresta 900 utenti del “dark web” di pedofilia

FBI-large-pedo-bust-678x381L’FBI ha arrestato oltre 900 membri di una “rete oscura” di pedofili che affliggeva l’Europa e l’America, dopo un’indagine di due anni.

In uno delle più grandi operazioni del suo genere, gli investigatori provenienti dall’FBI e da Europol hanno arrestato il fondatore del sito web, che ha ricevuto una pena di 30 anni di carcere.

Il web oscuro (chiamato anche il “Web Deep”) contiene contenuti non accessibili tramite un normale browser e non possono essere indicizzati e ricercati tramite motori di ricerca tradizionali come Google o Bing. Tuttavia, secondo i ricercatori, un 99,97% di quello che esiste su Internet, esiste sul web oscuro – invisibile dal pubblico in generale.

Secondo l’FBI, 350 dei 900 arresti sono stati fatti solo negli Stati Uniti – sottolineando che una grande parte delle reti di pedofili del mondo operano e esistono in America. Gli arresti sono partiti dopo che il presidente Trump si è impegnato ad affrontare il dramma della pedofilia americana che egli afferma di essere organizzata dai più alti livelli di governo.

Rt.com riferisce: gli arresti e altre azioni legali in materia di indagine sono state condotte “nei paesi lontani e vicini”, tra cui la Turchia, il Perù, il Cile, l’Ucraina, Israele e la Malesia, secondo l’FBI.

L’Europa conta il numero principale di arresti e condanne con 368 sospetti. Secondo Europol, sono stati fatti 870 arresti in relazione al caso.

Sono stati identificati o salvati più di 300 bambini che hanno subito un abuso sessuale da parte dei membri del Playpen.

Il commissario UE per l’Unione per la Sicurezza, Sir Julian King, ha dichiarato che “un colpo enormemente significativo è stato afflitto ad uno dei più terribili crimini, forse il peggiore di tutti, grazie all’eccellente cooperazione transnazionale di Europol con l’FBI e il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, così come altre agenzie di applicazione di legge in tutto il mondo “.

Il fondatore di Playpen, Steven W. Chase, 58 anni, è stato condannato lunedì a 30 anni di carcere. Il sito che lui ha creato nel mese di agosto 2014 ha visto circa 150.000 utenti in tutto il mondo finché non è stato abbattuto dall’FBI a seguito di una controversa operazione segreta.

L’agenzia ha dichiarato di aver scoperto il sito quasi immediatamente dopo il lancio, ma mancava di informazioni per tracciare la posizione o l’identità del proprietario del sito perché era radicato nel web profondo, il che significa che il sito era accessibile solo tramite software specifico come Tor.

Tor garantisce l’anonimato ai propri utenti e viene spesso descritto come una comoda piattaforma per attività illecite, come la vendita di armi, droghe o la diffusione di pornografia.

Tuttavia, la Chase in Florida si è inavvertitamente sbottonata, rivelando l’indirizzo IP del suo sito, fornendo ai funzionari della legge tutti i requisiti necessari.

Due degli assistenti di Chase, Michael Fluckiger e David Browning, entrambi cittadini statunitensi – che sono stati amministratori del sito – sono stati incarcerati per 20 anni.

Attraverso un’operazione successiva denominata Operation Pacifier, l’FBI è riuscito a seguire centinaia di utenti del sito, inviando “più di 1.000 tracce” agli agenti dell’FBI, nonché alle autorità europee.

L’FBI è stato criticato per quello che ha definito “una tecnica investigativa di rete approvata dal tribunale” utilizzata per scoprire le informazioni sui sospettati. È emerso che l’agenzia, con l’approvazione del tribunale, ha sequestrato e gestito il sito pedofilo per 13 giorni nel febbraio 2015.

La gestione da parte dell’FBI del sito Playpen ha permesso all’agenzia di infettare più di 8000 computer di utenti con malware.

Gli esperti di privacy di Internet hanno riscontrato che la gestione del caso dell’FBI è altamente discutibile e in contrasto con le leggi sulla privacy.

“Il mandato qui non ha identificato alcuna persona particolare per la ricerca o il sequestro. Né ha identificato alcun utente specifico del sito web mirato, “ha detto la Electronic Frontier Foundation, mette in discussione la legittimità delle azioni dell’FBI.

Tuttavia, il capo del Centro europeo della criminalità informatica (EC3), Steven Wilson, sembra difendere la pratica controversa, affermando in una dichiarazione che “se operiamo con i principi giuridici del diciannovesimo secolo non siamo in grado di affrontare efficacemente il crimine al più alto livello. ”

“Dobbiamo equilibrare i diritti delle vittime contro il diritto alla privacy”, ha affermato Wilson, lodando la cooperazione tra le forze dell’ordine statunitensi e quelle europee nel caso.

Fonte: yournewswire

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...