ACCUSA SHOCK di Adinolfi: Orge gay? La responsabile è Maria Elena BOSCHI perchè…

 

1487695707568-jpg-unar__mario_adinolfi___deve_dimettersi_maria_elena_boschi___“In tutti i circoli gay troverete la prostituzione minorile, troverete i ragazzini che stanno al bar e dopo qualche mese gli dicono che non possono pagarli e li fanno andare nella zona massaggi”.

Questo l’exploit di Mario Adinolfi, dopo le dimissioni di Francesco Spano, responsabile dell’Unar, reo di aver finanziato con 55mila euro circoli a luce rossa.

Secondo il servizio de Le Iene, dietro alcune associazioni gay, ci sarebbero attività illecite di prostituzione.

L’esponente del Popolo della Famiglia tuona così: “ma si possono dare montagne di quattrini a circoli che fanno prostituzione mentre le famiglie non arrivano a fine mese? Queste sono colonie del male“.

E ancora: “Dicono che i soldi vengono dati per i telefoni anti violenza, ma a queste associazioni non frega un caz*o di questi telefoni. Sono un colossale business dove si fanno montagne di soldi esentasse, dove si spaccia droga e si esercita sistematicamente la prostituzione”.

E poi la denuncia: “Sì, c’è “spaccio di cocaina, spaccio di ogni tipo di droga, c’è la prostituzione minorile, il lavoro nero, soldi esentasse. Che caz*o serve di più per chiudere questi circoli. Tutte cose verificabili. Senza prostituzione le persone non ci vanno. I soldi pubblici non si danno a queste porcherie, i telefoni anti violenza sono una copertura e una put*anata”.

E conclude il suo intervento con l’attacco a Maria Elena Boschi: “Le dimissioni non doveva darle Spano, messo nel tritacarne delle bande che si combattevano, che è solo il capro espiatorio ma la Boschi che ha firmato quel finanziamento alla roba più ignobile di questo Paese.

E’ Maria Elena Boschi la responsabile, perché ha cavalcato le associazioni Lgbt per sentirsi più figa. Invece è solo un colossale e schifoso business”.

Fonte: liberoquotidiano

 

Annunci

2 pensieri su “ACCUSA SHOCK di Adinolfi: Orge gay? La responsabile è Maria Elena BOSCHI perchè…

  1. Non capisco come mai è in corso un’accanita caccia al pubblico dipendente, che se sbaglia viene giustamente licenziato nel giro di pochi giorni, e posso essere d’accordo con il provvedimento se c’è la flagranza del reato, ma mi domando come mai lo stesso provvedimento nonostante, questi personaggi macchiati di ogni tipo di insoburdinazione provata, che non sto qui ad elencare altrimenti non se ne esce più, non debbano avere quanto meno lo stesso trattamento, se non addirittura il carcere?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...