IL PARLAMENTO DI STRASBURGO APPROVA IL ”CETA” CON I VOTI DI PD E FORZA ITALIA (RENZI & BERLUSCONI UNITI NEL PEGGIO)

img_0324 Con 408 a favore, 254 contrari e 33 astenuti l’Europarlamento ha approvato l’accordo commerciale tra Unione Europea e Canada, aprendo la strada all’entrata in vigore provvisoria delle disposizioni del cosiddetto Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement).

A sostenere ufficialmente il Ceta, approvato dall’Europarlamento con 408 voti a favore e 254 contrari, sono stati i gruppi del Partito Popolare Europeo (Ppe) del quale fa parte il partito italiano Forza Italia, dell’Alleanza dei Liberali e Democratici per l’Europa (Alde), dei Conservatori e riformatori europei (Ecr) e dei Socialisti&Democratici (S&D) di cui fa parte l’italiano Pd.

Da notare che diverse delegazioni nazionali del gruppo socialista di cui è membro il Pd, tra le quali quella francese, hanno votato contro l’accordo CETA. Anche alcuni deputati del Pd si sono espressi contro il Ceta, in dissenso dal gruppo, ma l’indicazione di votare a favore è arrivata da Roma, da Renzi e dai suoi sodali nella direzione attuale del Pd.

Contro il patto commerciale si sono schierati i gruppi dei Verdi, dei comunisti (Gue), degli euroscettici (Efdd) e della destra nazionalista (Enf). Il presidente dell’Europarlamento, Antonio Tajani, non ha partecipato alla votazione. “Come al solito non votero’, non perche’ non abbia le mie idee, ma perche’ la posizione del presidente deve essere quella adottata dal Parlamento”, ha spiegato Tajani.

Manifestazioni con centinaia di migliaia di persone, petizioni con milioni di firmatari, veto vallone al momento della firma da parte dei governi, proteste nell’aula della plenaria di Strasburgo al grido di “No Ceta”: il patto di libero scambio siglato da Ue e Canada il 30 ottobre scorso ha trovato e trova tuttora infiniti ostacoli sulla sua approvazione.

Infatti, per entrare provvisoriamente in vigore, in teoria nel mese di aprile, il Ceta ora attende la ratifica da parte del parlamento canadese, ma questo è il meno. La corsa a ostacoli è ben più aspra: tocchera’ poi a 38 parlamenti nazionali e regionali dell’Ue esprimersi sull’adozione definitiva, con la certezza che alcuni Paesi come l’Olanda, ma anche il Portogallo e la Francia, sottopongano il trattato commerciale a referendum.

E non sono mancate le reazioni: “Con l’ennesima alleanza della vergogna tra Pd e Forza Italia a Strasburgo passa il Ceta, accordo truffa che avvantaggera’ poche multinazionali, ai danni di imprenditori, agricoltori e consumatori italiani, con 40 mila posti di lavoro a rischio. Carne agli ormoni e falsi prosciutti e formaggi italiani? Se li mangino loro. Un grande inciucio che non accade solo a Roma ma anche in Europa sulla pelle di tutti noi, Vergogna!” ha dichiarato Matteo Salvini, Segretario della Lega.

Ha fatto immediato seguito Giorgia Meloni, che ha detto: “”Scandaloso l’ok del Parlamento Europeo alla ratifica del Ceta, il trattato di libero scambio tra UE e Canada: l’Europa dà carta bianca alle multinazionali a danno delle piccole e medie imprese, abbassa gli standard di qualità e sicurezza alimentari e mette a rischio le sovranità nazionali dando la possibilità alla grande industria di citare in giudizio quei governi che volessero mettere un argine alla globalizzazione incontrollata. Se era scontato il voto favorevole del Pd, fa rabbrividire l’ok di Forza Italia che esegue gli ordini del capogruppo del Ppe Weber, secondo cui il Ceta è “la risposta al protezionismo di Trump”. Ora il trattato dovrà essere ratificato dai Parlamenti nazionali: Fratelli d’Italia si batterà per impedire che l’Italia si pieghi ai diktat dei poteri forti e per dire no a questa ennesima porcata contro i bisogni dei popoli e la nostra economia”.

Probabilità che il CETA diventi davvero operativo? Prossime allo zero. Dovrà superare 38 voti nazionali e alcuni referendum, ma oggi a Strasburgo è emersa con tutta chiarezza un’altra verità: l’alleanza “italiana” tra Pd renziano e Forza Italia berlusconiana.

fonte: ilnord

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...