U.S.A: Sale a 2000 il numero di ex soldati pronti a difendere gli Indiani dagli attacchi della polizia

Un gruppo di veterani ha deciso di schierarsi con i Nativi americani che per mesi si sono scontrati con la polizia, cercando di impedire la costruzione di un oleodotto sul loro terreno sacro.
rtstl7g.jpg

Il numero di veterani pronti a difendere i Nativi, da poche decine è arrivato dopo qualche giorno a ben 2000. Il gruppo chiamato Veterans Support for Standing Rock, sarà lo “scudo umano” dei manifestanti durante le prossime proteste, indignati dopo tutti gli abusi di potere della polizia militarizzata. Le autorità, infatti, hanno usato proiettili di gomma, granate esplosive, spray al pepe e cannoni ad acqua contro i manifestanti disarmati, centinaia dei quali sono stati feriti anche in modo grave.

 
Secondo The Atlantic una donna ferita 
da una granata esplosiva e ora ricoverata, rischia di perdere un braccio.
 
Il Governo cerca di impedire l’ingresso al campo di protesta.
Risultati immagini per Veterans Support for Standing RockGli oppositori del Dakota access Pipeline si sono riuniti per mesi al Oceti Sakowin, un campo usato per presidiare la “zona dei lavori” 24 ore su 24.

Qui si trovano le loro tende, oltre alle scorte di cibo e tutto il necessario per riuscire a portare avanti la protesta senza dover mai lasciare il sito. Adesso un piano del Corpo degli Ingegneri dell’Esercito vuole chiudere l’accesso ai manifestanti al campo e creare da tutt’altra parte una “zona per la libertà d’espressione“.

I funzionari federali a tal proposito hanno dichiarato che se qualcuno dopo il 5 dicembre metterà piede su quel campo potrebbe essere sanzionato per sconfinamento.
 
I veterani nel frattempo si organizzano “alla loro maniera“.
Uno dei fondatori del gruppo di veterani in aiuto ai Nativi, Michael A. Wood Jr, ha reso noto il loro “ordine per le operazioni“.
Risultati immagini per Veterans Support for Standing Rock

Nel loro piano si usano termini militari in tutto e per tutto, si fa riferimento a forze opposte, forze amiche e unità di supporto.

Gli organizzatori inoltre hanno incoraggiato i partecipanti a indossare le loro vecchie uniformi.
Le prime fasi della manifestazione saranno di tipo logistico:
la creazione di tende e l’organizzazione delle scorte di cibo.
In seguito si passa all’azione “pacifica“, gli angeli custodi della protesta dei Nativi americani che temono che il gasdotto potrebbe inquinare il fiume Missouri e danneggiare le loro terre sacre e i cimiteri tribali. #USA #America

Alcune immagine della protesta di queste settimane contro la costruzione del mostro oleodotto sulle terre sacre degli Indiani:

Immagine correlata
Immagine correlata
Immagine correlata
Risultati immagini per Dakota access Pipeline
Immagine correlata
Immagine correlata
Immagine correlata
Risultati immagini per Dakota access Pipeline

Fonte: http://it.blastingnews.com/cronaca/2016/11/dakota-access-pipeline-2000-veterani-al-fianco-dei-nativi-americani-001294807.html

Tratto da: ilnuovomondodidanielereale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...