La Bolivia ottiene l’indipendenza economica e respinge le banche Rothschild

ap78723126473-940x580-768x474-680x365Il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca Mondiale sono stati i principali attori del panorama economico mondiale fin dalla loro creazione nelle organizzazioni bancarie internazionali 1944. Questi sono controllati privatamente dalla famigerata famiglia di banchieri Rothschild che così controllano le nazioni tramite  il settore finanziario, consentendo in questo modo alle banche private di saccheggiare le loro economie.

Una volta che i governi sono costretti a bail-out il loro deregolamentato settore finanziario, il Fondo Monetario Internazionale o la Banca Mondiale imposta un pacchetto di prestito scritto in segreto dai banchieri centrali e dai ministri delle Finanze che minano la loro sovranità nazionale costringendoli ad adottare politiche di austerità che danneggiano i lavoratori, famiglie, e l’ambiente.

Prima che Evo Morales assumesse la carica di presidente, la Bolivia soffriva gli effetti delle austerità della FMI / Banca Mondial imposte e la  privatizzazione che sfruttava la sua gente e le risorse. È stata anche la nazione più povera del Sud America. Anche se il popolo boliviano, attraverso forti proiezioni di resistenza popolare per un periodo di anni, è stato in grado di fermare alcuni dei peggiori sforzi di privatizzazione – in particolare la privatizzazione delle risorse idriche della nazione , molte delle catene imposte da queste istituzioni Rothschild-controllate sono rimaste.

Morales, che divenne presidente della Bolivia nel 2006, è stato il primo presidente a venire da parte della popolazione indigena Aymara della Bolivia e da allora è concentrata sulla riduzione della povertà e la lotta contro l’influenza degli Stati Uniti e le multinazionali in Bolivia. Dieci anni dopo, Morales, un socialista democratico, è riuscito a trasformare la Bolivia in più rapida nella crescita dell’economia sudamericana, il tutto mantenendo un bilancio in pareggio e tagliando il suo debito pubblico, una volta-paralizzante.

Ritrovata l’indipendenza economica della Bolivia ha ora il potere Morales di respingere le stesse istituzioni che hanno depredato il suo paese. Solo poche settimane fa, Morales ha annunciato che la Bolivia non risponderà più alle richieste o ai ricatti degli Stati Uniti, la Banca Mondiale o il Fondo monetario internazionale.

Durante una visita a Tarija in Bolivia meridionale, Morales ha dichiarato: “Prima, al fine di ottenere credito dal Fondo monetario internazionale, siamo stati costretti a rinunciare ad una parte del nostro paese, ma noi abbiamo liberato noi stessi economicamente e politicamente e non siamo più dipendenti dagli altri paesi o istituzioni “. Morales ha elogiato i movimenti sociali e l’unità del popolo per la capacità del paese di resistere e respingere la privatizzazione e l’influenza straniera.

Tuttavia, la Bolivia ha fatto molto di più sotto la guida Morales di vietare cartelli bancari internazionali. La Bolivia ha buttato fuori numerosi multi-imprese da quando Morales è entrato in carica, tra cui McDonalds e Coca Cola, ma anche il rifiuto di collaborare con gli Stati Uniti nella disastrosa guerra contro la droga. La Bolivia dedica per contrastare la droga e il suo mercato, il 14% del  bilancio nazionale per l’educazione , più di qualsiasi altro paese del Sud America.

Al contrario, solo l’1,7% del bilancio nazionale va alla formazione negli Stati Uniti. Morales ha anche costretto le compagnie petrolifere e del gas straniere a pagare un sorprendente 82% dei suoi profitti per il governo boliviano, che viene utilizzato per finanziare una serie di programmi popolari sociali a beneficio dei poveri. La povertà in Bolivia è diminuita in modo significativo. La trasformazione della Bolivia dimostra che qualsiasi nazione, non importa quanto sia  impoverita, può spezzare le catene imposte da banchieri internazionali e restituire il potere al popolo.

Tradotto da S.M. per La verità di Ninco Nanco

Fonte originale: mintpressnews.com

Tratto da: informarexresistere

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...