L’agente dell’FBI sospettato delle fughe sulle email di Hillary trovato suicida

img_0280Walkerville, MD, un agente dell’FBI ritenuto responsabile delle ultime fughe di notizie “pertinenti le indagini” sulle e-mail del server di posta elettronica privato di Hillary Clinton, quando era segretaria di Stato, è stato trovato morto in un apparente omicidio-suicidio il 5 novembre mattina, secondo la polizia. Gli investigatori ritengono che l’agente dell’FBI, Michael Brown, 45 anni, avrebbe sparato e ucciso la moglie Susan Brown, la notte del 4 novembre, prima che la casa della coppia andasse in fiamme e per poi spararsi. Brown era un veterano del dipartimento di polizia metropolitana di Washington DC, prima di servire negli ultimi sei anni nell’FBI. I vicini videro del fumo provenire dalla residenza di Brown e chiamarono il 911 alle 23:50. Quando i vigili del fuoco arrivarono pochi minuti dopo, la casa era completamente avvolta dalle fiamme. “La morte di Brown è stata causata da un colpo di pistola prima dell’incendio della casa“, dice il capo della polizia di Walkerville, Pat Frederick, “mentre la ferita di proiettile alla testa della signora Brown sembra essere stata auto-inflitta. Tutte le prove portano a credere che si tratti di omicidio-suicidio. Crediamo che l’abbia uccisa, incendiato la casa per poi togliersi la vita“, ha detto Frederick. I risultati confermano le conclusioni dei ricercatori secondo cui la coppia è morta nell’omicidio-suicidio, durante cui, nella casa di 130 metri quadrati, è stato intenzionalmente appiccato il fuoco. Le autorità delineano lo scenario come probabile basandosi su interrogatori dei vicini e commenti sulla pagina Facebook di Brown. Brown avrebbe appiccato l’incendio con la benzina, ma risparmiando la vita all’amato beagle, Dixie. “Prima dell’incendio, lasciò il cane a casa di un vicino“, ha detto Frederick. “Ha messo il cane nel cortile del vicino di casa“. Un vicino ha detto che Brown appariva “in preda al panico“, anche se non è chiaro se la moglie fosse morta prima o dopo che il cane era stato portato via di casa.
Il motivo della strage è ancora oggetto d’indagine, ma la polizia ha detto che Brown era un agente rispettato dell’FBI e ben voluto nella comunità. “Cosa porta a tale rabbia e violenza con la moglie, la persona amata, chi lo sa“, ha detto un funzionario dell’FBI che conosceva la famiglia Brown. Le teorie del complotto dilagano portando molti a credere che sia un altro “colpo sporco” dei Clinton in rappresaglia per le e-mail finite all’FBI a pochi giorni dalle elezioni presidenziali. I media come Infowars e WND propongono la teoria che killer globalisti, agenti dei Clinton, abbiano assassinato la famiglia Brown e bruciato la casa per distruggere ogni possibile prova. Il direttore dell’FBI James Comey ha rifiutato di commentare, ma ha chiesto privacy e di pregare mentre l’ufficio fa i conti con la perdita di “due amici molto stretti“.Hillary Clinton Holds Press Conference Over Email Controversy

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...