L’FBI riapre le indagini su Hillary Clinton dopo la scoperta di nuovi messaggi di posta elettronica

hillary-clinton-was-angry-about-state-department-scrapping-mother-and-father-from-us-passport-applications-1443721956
L’FBI è venuto a conoscenza dell’esistenza di altri messaggi di posta elettronica che coinvolgono il server di posta elettronica privato di Hillary Clinton, mentre era diretto al Dipartimento di Stato, il direttore dell’FBI James Comey ha convocato diversi membri del Congresso, dicendo loro che si riapre l’indagine.

“In relazione a un caso non collegato, l’FBI ha appreso dell’esistenza di e-mail che sembrano essere pertinenti” alle indagini di Clinton, Comey ha scritto ai presidenti delle varie commissioni del Congresso competenti, aggiungendo che è stato informato sui messaggi Giovedi scorso. “Sono d’accordo che l’FBI deve adottare le opportune misure investigative per consentire agli investigatori di rivedere queste e-mail per determinare se contengano informazioni classificate, nonché per valutare la loro importanza per la nostra indagine.”

Il direttore dell’FBI ha avvertito, tuttavia, che l’ufficio deve ancora valutare l’importanza del materiale e che lui non sa quanto tempo ci vorrà.

cv3su4-uaaq3liuI mercati sono crollati copo che la notizia della decisione di riaprire le indagini è stata diffusa da CNBC.

Bob Goodlatte (R-Virginia), presidente della commissione Giustizia della Camera, ha elogiato la decisione di riaprire il caso.

“Ora che l’FBI ha riaperto la questione, deve condurre l’indagine con imparzialità e completezza”, ha detto in una dichiarazione. “Il popolo americano non merita niente di meno e nessuno dovrebbe essere al di sopra della legge.”

Quasi 15.000 nuove email Clinton sono state scoperte nel mese di settembre.

A metà ottobre, Rep. Jason Chaffetz (R-Utah), presidente della Casa di Vigilanza e Government Reform Committee, ha promesso almeno “quattro nuove udienze” dopo la riapertura del Congresso ritorna dopo la pausa nel mese di novembre sulla base dei nuovi messaggi di posta elettronica, che i legislatori hanno ricevuto ma non sono stati resi pubblici.

“Si tratta di una luce rossa lampeggiante di un potenziale crimine”, ha detto Chaffetz.

La nuova prova punta a un accordo “quid pro quo” tra l’FBI e il Dipartimento di Stato, ha osservato.

IN SVILUPPO – dettagli a seguire

Fonte: RT News

Traduzione di ununiverso

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...