La Russia deve scaricare le politiche neo-liberiste prima che sia troppo tardi

putin rublo nabluvina

DI PAUL CRAIG ROBERTS

russia-insider.com

Willian Engdahl ha recentemente spiegato come Washington ha usato l’elite corrotta brasiliana, che risponde solo a Washington, per rimuovere il Presidente del Brasile (legalmente eletto), Dilma Rousseff, la cui sola colpa è quella di aver rappresentato gli interessi dei Brasiliani piuttosto che quelli di Washington. Incapaci di vedere oltre la propaganda di accuse indimostrate, i brasiliani hanno passivamente accettato la rimozione del loro Presidente, dimostrando ancora una volta al mondo quanto la democrazia sia impotente. L’articolo in questione è qui.

Tutti dovrebbero leggere l’articolo di Engdahl. Riporta come parte degli attacchi contro Rousseff abbiano origine dai problemi economici del Paese, deliberatamente creati dalle agenzie di rating americane e parte di un disegno di Washington per rivalutare al ribasso il debito brasiliano, la cui cosa ha pertanto scatenato un attacco alla moneta del Paese.

La relativa apertura dei marcati brasiliani ha fatto sì che il Paese fosse una facile preda. Si spera che Vladimir Putin prenda nota dei costi da pagare per questa “apertura economica”. Putin è tradizionalmente un leader molto attento e cauto, ma non e’ un economista. Ha in qualche modo confidenza in Elvira Nabiulina, scelta da Washington per controllare la Banca Centrale Russa. La Nabiulina non ha familiarità con la Teoria Monetaria Moderna (Modern Monetary Theory, NdT) e il suo impegno a mantenere questa “apertura economica” lascia l’economia del Paese esposta alle stesse manovre a cui e’ andato incontro il Brasile, da parte di Washington. Nabiulina sembra credere che l’assalto al rublo sia opera di anonime “forze del mercato globale” invece delle manipolazioni finanziarie americane.

Nabiulina, indottrinata ai dogmi neo-liberisti, è essenzialmente un servo di Washington, anche se lei stessa non è consapevole di questo ruolo come “utile idiota”. Si rallegra degli applausi che riceve dal “Washington Consensus” per lasciare essenzialmente l’economia russa aperta a manipolazioni americane. Essendo neo-liberista, non capisce che la Banca Centrale Russa può denaro a costo zero con il quale finanziare opere produttive nel suo Paese. Invece, lei pensa che il danaro immesso nell’economia dalla Banca Centrale sia inflazionistico, ma il danaro che entra da risorse straniere non lo sia. Denaro e’ denaro, indipendentemente dal fatto di venire dalla Banca Centrale o da investitori esteri. Fin quando il denaro viene utilizzato produttivamente, non e’ inflazionistico.

Malgrado ciò, c’è una colossale differenza il denaro creato dalla banca centrale è quello che proviene dai creditori esteri. Soldi prestati da banche estere e denominati in dollari o euro devono essere ripagati con gli interessi anche essi nella stessa valuta e sottoposti a fluttuazioni monetarie. Soldi creati dalla Banca Centrale per finanziare le infrastrutture pubbliche non devono essere ripagati affatto, oppure con interessi molto al di sotto di quelli a valuta straniera.

Fondi acquisiti all’estero, inoltre, presentano molti fattori di rischio. I soldi posso essere ritirati, mandando al collasso un rublo liberamente messo sui mercati globali. Gli interessi da ripagare (in dollari o euro) assottigliano le riserve Russe in valuta straniera. Prestiti esteri presentano tutti i rischi legati alle valute straniere, che aumentano con le sanzioni economiche. Se il valore del rublo cala o viene spinto al ribasso da un attacco finanziario, il costo, valutato in rubli, dei prestiti esteri aumenta significativamente.

Nessuno di questi fattori di rischio è presente quando è la Banca Centrale la generatrice del denaro. La Banca Centrale Russa dovrebbe creare il danaro con cui finanziare progetti pubblici e service come prestatore di ultima istanza per aziende private russe che non riescono ad ottenere prestiti da banche private russe. In questo modo la Banca Centrale isola l’economia russa da possibili attacchi destabilizzatori orchestrati all’estero.

E’ una tragedia per la Russia che sia Nabiulina che il Primo Ministro Medvedev credano che il debito russo finanziato da mani straniere (potenzialmente ostili) sia preferibile al danaro creato dalla Banca Centrale del loro Paese. Glazyev, il solo fra i consulenti du Putin, capisce tutto questo. Ho il sospetto che gli Integrazionisti Atlantici abbiano a tiro Glazyev (PCR non spiega esattamente nell’articolo di che “tiro” si tratti, NdT) mentre stanno lavorando per integrare la Russia con l’Occidente, senza nessun riguardo per i costo che il Paese debba sopportare. Questi “Adoratori dell’America” all’interno politica e economia russa sono il piu’ grosso problema del Paese. Un governo russo incapace di capire questo fatto è in guai seri.
Paul Craig Roberrts

Fonte: http://russia-insider.com

Tratto da: comedonchisciotte

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...