Benigni: “il no al Referendum è peggio della Brexit”. Bene, ricordiamo i dati allora del dopo Brexit.

roberto-benigni-09-1150x748-218x150Intervistato dalle Iene l’attore Roberto Benigni è tornato a esprimersi sulla Riforma costituzionale promossa dal governo Renzi. “La Costituzione è stata un miracolo, resta la più bella del mondo. I padri costituenti sono stati dei giganti perché hanno illuminato le macerie. L’Italia è rialzata grazie a loro. Ma ora è necessaria una revisione, nonostante nella riforma qualche cosa sia da rivedere”. Si pronuncia, poi, sull’esito del referendum del 4 dicembre: “Se vince il No sarà peggio della Brexit. È indispensabile che vinca il sì. Bisogna pensare al bene degli italiani”.

Cosa c’è di così sbagliato nella Brexit? Non sembra che sia stato un male per il Regno Unito.

Oggi le prospettive del Regno Unito sono decisamente buone, a dispetto dei profeti di sventura, in quanto fuori dai lacci e lacciuoli della UE potrà ulteriormente rafforzare il proprio sistema bancario e finanziario.

Il nostro consiglio, per chi può, è di iniziare ad investire proprio là. In primis perché lo può fare in sterline e, passata la prima fase speculativa sul suo corso, potrebbe pure portarsi a casa un guadagno dato dal suo rialzo sull’euro, ma al di là di quello, la sterlina è una moneta che ci sarà anche in futuro, mentre sull’euro iniziano ad addensarsi nubi sempre più nere, se perfino uno squalo della finanza come Soros inizia a parlare di crisi irreversibile dell’unione europea e della moneta unica.

In seconda battuta, per effetto della svalutazione, le imprese inglesi potrebbero veder migliorare i propri affari attraverso l’export e quindi dar via ad una crescita del pil con benefici effetti anche sugli investimenti.

Il sistema bancario, poi, è ben presidiato dalla banca centrale, che è già intervenuta pesantemente nella crisi del 2008 salvando gli istituti di credito, a differenza della zona euro, dove interventi del genere sono oggi proibiti: un ombrello protettivo da non sottovalutare.

A quanti prevedono dazi e ritorsioni da parte della ue nei confronti dei territori di Sua Maestà, ci limitiamo a ricordare che la Germania ha già auspicato la possibilità di stipulare accordi commerciali privilegiati con l’Inghilterra, e lo stesso hanno dichiarato USA e Canada. Quindi anche il paventato isolamento del Regno Unito non si vede minimamente all’orizzonte. D’altra parte, ve la vedete la Germania rinunciare a 15 miliardi di esportazioni solo per fare un dispetto a Sua Maestà?

Chiaramente sono consigli in netta controtendenza rispetto alla vulgata dei media nazionali ed europei, dove invitano a fuggire dal Regno Unito, ma visto come sono andate le “previsioni”, riteniamo sia il caso di riflettere attentamente sulle opportunità offerte dai territori di Sua Maestà.

Ma l’aspetto più interessante di tutto ciò è che con l’uscita dalla Ue, la Gran Bretagna è diventato uno stato extracomunitario nel quale non hanno valore le “regole” finanziarie, economiche, commerciali, e tutta l’enorme mole di imposizioni, della Ue!

Questo significa che portando – già oggi – i propri risparmi nel Regno Unito – il sistema è semplicissimo, basta consultare i siti web di una qualunque banca britannica – si sottraggono alle rapaci grinfie delle imposizioni fiscali della Ue, specie quelle italiane.

Tutto è completamente differente e migliore, fuori dalla prigione Ue. Non vi chiediamo di credere fideisticamente a quanto scriviamo. Vi diciamo solo: verificatelo di persona e rimarrete esterrefatti. Cosa che evidentemente già molti devono aver fatto, perchè gli acquisti di titoli di stato britannici sono schizzati alle stelle, e il rendimento per conseguenza è disceso attorno all’1,5% (che comunque in Italia ve lo sognate).

di S.M per La verità di Ninco Nanco

Tratto da: stopeuro

Un pensiero su “Benigni: “il no al Referendum è peggio della Brexit”. Bene, ricordiamo i dati allora del dopo Brexit.

  1. Pingback: Benigni: “il no al Referendum è peggio della Brexit”. Bene, ricordiamo i dati allora del dopo Brexit. – giobarblog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...