David Icke da Phantom self: le possessioni sono realtà

phamtom self

Seconda puntata dall’ultimo libro di David Icke, Phantom Self, sul tema “possessioni” e il “virus degli Arconti”: copie o riproduzioni che servono la distorsione/virus.
Dall’ultimo libro di David Icke: Phantom Self, una mia seconda puntata (qui la prima) . Ricordo che il libro non è ancora tradotto in italiano e lo si puo’ trovare sul sito di Icke: www.davidicke.com.  Questa volga scelgo il capitolo che riguarda le “possessioni” da entità. Un tema piu’ attuale di quanto  non si creda in questa realtà socio-politica globale in cui siamo immersi e riguardo ai suoi rappresentanti al vertice.
Icke ricorda che gli Gnostici, ed altre culture, descrivono:

“le motivazioni e il comportamento del Demiurgo/Arconti  (il “virus”) allo stesso modo in cui viene oggi di definito il termine psicopatico, ovvero colui che è senza empatia, rimorso o vergogna, che è un mentitore patologico ( ingannatore),  parassita che fa qualsiasi cosa per ottenere ciò che vuole. Gli Arconti, con i molti nomi a loro globalmente attribuiti e i facsimile, vengono anche descritti come coloro che non hanno emozioni ed un tratto degli psicopatici è anche definito “di basso effetto”, o descritto come l’incapacità di esprimere una gamma di emozioni. Gli psicopatici umani sono coloro che sono profondamente infettati dal virus dell’Arconte e la psicopatia è molto più prevalente nella società di quanto ampiamente creduto. Ciò che gli Gnostici definiscono “il Demiurgo”, è la distorsione/virus originale e gli Arconti sono copie o riproduzioni che servono la distorsione/virus.

E’ fuorviante, incalza Icke, fissare la nostra attenzione sulla forma o sulla classica figura del “diavolo”, per avere un’idea di ciò che sta accadendo. Per esempio, la cattiveria, non è un “essere” cosi come percepiamo il termine, ma “una energia distorta, una consapevolezza distorta che può prendere le forme che riflettono la sua distorsione” : dalle facce sconvolte ed orribili della classica possessione da “esorcista”, “fino ad un Amministratore Delegato (psicopatico) di una banca, che procura potenziale sofferenza per ottenere sempre più denaro e controllo”.

Alla base della “possessione demoniaca”, insiste Icke, c’è l’infestazione causata dal virus del corpo-computer. Da tempi immemorabili si dice che entità demoniache prendano il sopravvento su pensieri, emozioni e comportamento dei loro obiettivi umani. Lo si sente raccontato in tutta la storia e in tutte le culture e vale anche per il nostro tempo.

Sminuire il tema e gettar via il tutto senza indagare “è una risposta o da idioti o di qualcuno così terrorizzato che tutto ciò possa essere vero, che preferisce ridicolizzare  e licenziare la cosa dicendo “chiudi il becco, che non voglio sentirlo”.

Del resto… non è la stessa ragione avanzata dalla maggioranza, quando si fa lontana menzione alle cospirazioni contro l’umanità?

“Il rifiuto della possessione come “qualcosa di non possibile”, tuttavia, tradisce ancora l’ignoranza sulla realtà. Se le persone fossero “solide”, come potrebbero essere possedute in modi descritti sia nell’antichità che nei tempi moderni? Non potrebbero esserlo. Ma il fatto è che le persone non sono solide. Le persone sono energia/consapevolezza. Posso  essere posseduto, portato via un’altra energia/consapevolezza, se le due frequenze sono compatibili. Le possessioni accadono quando un’entità o un’energia (virus) si attacca al campo aurico umano  ed inizia a dettare pensieri, emozioni e percezioni.

Campi umani che vibrano ad alte frequenze non possano essere possedute dalla cattiveria, ma una volta che le persone cadono in stati di bassa vibrazione (arcontici), si assicura cosi la compatibilità della frequenza e la possessione quindi può avere luogo. 

L’abuso di alcol e droghe può sufficientemente abbassare la frequenza umana, per entrare nel regno del virus arcontico. Fare sesso con una persona posseduta, può farsi che l’entità/ virus che sta possedendo la persona si insinui in questa connessione energetica tra i due e possegga quindi anche il partner”

archons

In pratica è analogo a quando un virus infetta un computer e si intrufola in un altro. Le possessioni prendono varie forme, non sempre i volti distorti e comportamento demoniaco che abbiamo visto in film come “L’esorcista”. Esistono, vero, quei livelli estremi, ma nella più parte dei casi il tutto è molto più sottile e spesso impercettibile.

“Gli effetti sul comportamento possono variare da uno psicopatico che a malapena si può intercettare ad uno che lo è pienamente e anche a distorsioni facciali. Quando “il virus” si attacca in modo relativamente debole sul campo aurico della persona, tale virus può difficilmente avere impatto sull’ologramma del suo obiettivo (la persona). Le persone che vengono possedute in questo modo (la maggioranza) continuano a sembrare come sono sempre state, sebbene loro comportamento e le loro percezioni saranno influenzate a seconda della possessione.

Ma se il virus/entità si attacca di più, la sua “personalità”, detta il suo comportamento e le sue percezioni e queste possono cominciare a cambiare, nella persona posseduta, nel momento in cui questa infusione di informazioni dal campo energetico posseduto, impatta sull’ologramma. A questo punto un osservatore vedrà il volto o persino tutto il corpo del posseduto, cambiare e distorcersi per riflettere la natura dell’entità”.

Icke racconta di aver visto persone distorte in questo modo, ma anche altri che continuavano a restare sostanzialmente gli stessi, pur mostrando
dei cambiamenti facciali evidenti ed occhi molto oscurati, una volta che la possessione aveva preso il sopravvento al punto da cambiare la personalità. Quella che ci ha sopradescritto è il cambiamento di forma (shapeshifting), ma ci sono altre spiegazioni per questo fenomeno, a cui accenna piu avanti nel libro.

“Sono stato costantemente ridicolizzato per aver detto che il mondo è governato in modo nascosto da leaders “che cambiano forma”, che possono oscillare tra forme umane e rettiliane (ed altre). Ma tutto questo è vero nonostante suoni folle a coloro che non hanno fatto alcuna ricerca in questo campo. Le persone possedute possono essere schizofrenici, che saltano da una personalità all’altra (la loro e quella di chi le possiede). Questa non è la sola ragione del comportamento schizofrenico, ma è una delle. A volte l’agente che possiede il virus, si ritira e la personalità del soggetto ritorna, ma fino al momento in cui l’entità si imporrà di nuovo e l’obbiettivo (la persona) a volte deve passare per una enorme trasformazione della personalità.

Coloro che hanno vissuto con i satanisti descrivono come costoro possono essere una personalità di giorno e un’altra totalmente diversa la notte. L’entità possono anche usare i loro veicoli posseduti per infiltrarsi in altri e in gruppi, utilizzando la loro maschera “carina”, per poi all’improvviso trasformarsi contro di loro in cattiveria finalizzata a fare il più danno possibile. Io stesso ho fatto l’esperienza di questo molte volte e i coinvolti non avevano alcuna idea che le loro motivazioni di cattiveria non solo non provenivano da loro, ma erano di ciò che li possedeva. I soggetti in questo stato, hanno un pensiero, un desiderio: quello di danneggiare e di ferire e pensano che ciò provenga dalla loro mente. Ma invece ogni volta è una consapevolezza distorta che chiede queste azioni e usa i posseduti come un veicolo”.

Detto questo, Icke afferma di non voler con questo assolvere dalla responsabilità le persone coinvolte, poichè costoro devono aver avuto una frequenza compatibile perché avvenisse questo contatto. Ma c’è di piu’ : come possiamo dimenticare i molti programmi segreti di controllo mentale, “progettati per fare attaccare delle entità volte a possedere persone innocenti, che quindi diventano loro agenti. (L’ho detto nel mio libro Il Segreto più Nascosto)”.

Va da sè che chi svela questo mecccanismo e soprattutto “il virus degli Arconti” deve costantemente restare vigile perché è certo che viene considerato un obiettivo da questi programmi e da altre tecniche, per varie ragioni. “Questo è sicuramente accaduto anche a me”, ricorda Icke.

Icke conclude questo capitolo citando Rumi, poeta persiano del 13º secolo, studioso di Islam e di mistica Sufi. Si noti la data, il 13º secolo… perchè lo stesso accade ancora ai nostri giorni …

“Quando un uomo è posseduto da uno spirito malvagio

Le qualità dell’umanità in lui si perdono.

Tutto ciò che dice e detto veramente da quello spirito.

Sebbene sembri che procedono dalla sua bocca di uomo.

Quando lo spirito a questo governo e dominanza su di lui,

L’agente è proprietà dello spirito e non di se stesso;

Il suo sè se ne andato e lui è diventato lo spirito”

“Tutto questo non solo descrive membri della popolazione in genere, soggetti a possessioni, ma soprattutto si applica coloro che sono in posizioni di potere politico, economico, militare e amministrativo, che sono semplici agenti e veicoli di questo virus arconti col, nel nostro mondo”.

tratto da: David Icke, The Phantom Self, David Icke Books Ltd, Isle of Wight, 2016, pgg 104-106,

Traduzione e note di: Cristina Bassi per thelivingspirits

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...