L’enorme potere della Chiesa ed i danni che ha prodotto all’umanità

13939313_10207293558516490_653595662527723988_n

Dopo la fine della guerra ci furono ritorsioni verso sostenitori e fiancheggiatori del nazismo e del fascismo, talvolta anche con episodi di sangue. Ma per il Vaticano no problem, loro da sempre stanno dalla parte del potere, ed il fatto che tutti i governanti e persino i dittatori della storia fino ai governi attuali dei paesi di religione cristiana debbano fare accordi e sopratutto pagare dazio alla Santa Sede, la dice lunga sul POTERE che ha sempre avuto il Vaticano. Cambiano i governi ma loro restano. E specialmente in passato, quando avevano maggiore presa sulla popolazione, influivano moltissimo sui governi, e dunque sullo sviluppo della società e dell’umanità.
Una pioggia di denaro da tutti gli stati occidentali

L’Italia tra 8×1000 e varie elargizioni versa nelle casse dello stato Pontificio qualcosa come 6.000.000.000€ all’anno, oltre all’esenzione delle imposte (vedi le tasse sui numerosi immobili) e altre agevolazioni e benefit, ma NON pensiate che siamo gli unici a pagare. TUTTE le nazioni occidentali, chi più chi meno, “donano” alla Chiesa.

Pensate che in Germania c’è una vera e propria tassa in favore della religione che l’individuo professa, e questa nel caso di redditi alti ammonta a cifre astronomiche. Lo dimostra il caso del calciatore Luca Toni, dal quale la chiesa tedesca pretende 1.700.000€ (vedi http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/17/luca-toni-ecco-la-tassa-che-non-ha-pagato-in-germania-17-milioni-perche-e-cattolico/1884521/)
Soldi che vengono prelevati ai cittadini non per garantire servizi migliori o il welfare, ma per ingrassare ulteriormente il Vaticano, che è una sorta di Spa con profitti da capogiro.

La Chiesa ed il Pontefice pronunciano belle parole, ma giocano un ruolo chiave nel legittimare agli occhi della gente il governo e l’intero sistema di cose. Da una parte i Papi balbettano qualche “no alla guerra” dal pulpito in San Pietro, ma dall’altra si recano o continuano ad accogliere a braccia aperte e con tutti gli onori del caso i leader guerrafondai, con i quali i Papi si fanno fotografare sorridenti e con la stretta di mano, e se i capi di stato si presentano al capezzale con quale leggina favorevole al Vaticano tanto meglio. E per fortuna negli ultimi decenni molte persone si sono disaffezionate, diminuendo in questo modo il potere della Chiesa, che riesce per esempio a veicolare un minor numero di voti rispetto al passato, su un determinato partito o candidato.
Le “raccomandazioni” della Chiesa

In passato usava molto andarsi a raccomandare al Vescovo o ai parroci anche per trovare lavoro, poiché questi erano molto considerati dagli imprenditori, dai politici. E così la signora che oltre a non perdersi una messa dava il suo contributo in Parrocchia, vedeva assumere il figlio dalla buona azienda della zona. Un potere sociale assoluto, che negli anni è diminuito, da quando la gente ha ”aperto gli occhi” su molti aspetti che in passato passavano inosservati, perché censurati da giornali e Tv, e non c’erano canali d’informazione alternativi.

Affermare che la Chiesa è la causa di tutti i mali che hanno afflitto l’umanità sarebbe eccessivo, ma dire che si è arricchita con essi, contribuendo al controllo sociale delle masse appare totalmente appropriato.
La società occidentale odierna e le tanto decantate “radici cristiane” hanno una bella responsabilità sulle condizioni in cui versa l’umanità, anche perché le nazioni occidentali condizionano l’intero pianeta. Anche la Chiesa ha contribuito enormemente nell’elezione del Dio Denaro, con i begli esempi che ha dato ai “fedeli”, legittimati a comportarsi nello stesso modo.

La Chiesa ha avallato schiavitù e colonialismo

A parte le Crociate, l’inquisizione e la “caccia alle streghe” e altre amenità condotte in prima persona, la Santa Sede ha legittimato persino la schiavitù, che poi la Chiesa stessa ha messo al bando in seguito. Ma anziché opporsi e prevedere gli inferi per gli schiavisti, i negrieri che catturavano uomini africani e li rendevano schiavi, trattati con la dignità di una bestia, gli schiavi che osavano ribellarsi venivano massacrati e persino mutilati, erano considerati malati di drapetomania, nemmeno il diritto alla ribellione era contemplato, come se non dovessero cercare di sottrarsi al destino di schiavi.
Hanno avallato il colonialismo, che la Chiesa ha usato per esportare e imporre la propria religione in nuovi territori, estendendo il proprio dominio e potere. I missionari arrivavano nelle colonie subito dopo che erano passati gli eserciti, che commettevano atrocità di ogni tipo: oltre agli stupri e alle violenze, è notoria la abominevole pratica delle truppe coloniali francesi di decapitare i magrebini che si opponevano al loro dominio, oppure usavano tagliare loro i genitali e metterglieli in bocca, pratiche degne dell’ISIS dell’attuale epoca. Anche le truppe italiane si ‘distinsero’ per l’uso di gas nervini per conquistare il corno d’Africa.
Anziché opporsi, si sono aggregati

La Chiesa avrebbe potuto usare la propria influenza sulla popolazione per fare capire quanto fosse sbagliato il colonialismo, andare a uccidere e imporre il proprio dominio su altre popolazioni, privandole della libertà e saccheggiandole. Invece no, anche loro si unirono al coro di chi sosteneva che il colonialismo avrebbe portato la civiltà ed il progresso, e la Chiesa – che con la sua funzione di controllo sociale era ben vista dai governi – trovò terreno fertile nel convertire le popolazioni locali. Nella mano destra il cibo, o gli aiuti, ma nella sinistra la Bibbia. Convertendo gli adulti “ai quali conveniva convertirsi” e iniziando ad indottrinare sin da tenera età le nuove generazioni, la Chiesa ha esportato il cattolicesimo.
Purtroppo molte persone non si rendono conto della brutalità dello schiavismo e del colonialismo, per chi li ha subiti. C’è poca informazione in merito, i libri di scuola tralasciano le parti scomode o le minimizzano, e ci portano a provare ben poca empatia per certe popolazioni, ma ciò che abbiamo fatto non dovrebbe essere considerato meno grave dell’olocausto della seconda guerra mondiale: pensate solo in Congo

Re Leopoldo II di Belgio ammazzo’ oltre 10 milioni di persone.

Il modus operandi della Chiesa non è cambiato, si è solo modificato con i secoli. Così come lo schiavismo ed il colonialismo hanno cambiato modalità ma esistono ancora, così come a comandare sono in pochi, pur facendo credere alle masse di vivere in un sistema democratico.

Fonte: Veritanwo

Un pensiero su “L’enorme potere della Chiesa ed i danni che ha prodotto all’umanità

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...