Le enormi strutture acquatiche scoperte con Google Earth

Durante il mese scorso o giù di lì, i cacciatori di UFO hanno fatto due scoperte apparentemente indipendenti che subito hanno aggiunto prove di una strana, antica presenza sul nostro pianeta. Le immagini controverse sono state ottenute attraverso Google Maps e rivelano due enormi strutture sottomarine che la scienza convenzionale non può spiegare.

La prossima volta che puntate gli occhi su un monte alto ricordate che, tanto tempo fa, quel pezzo pantagruelico di roccia era sul fondo dell’oceano. La faccia della Terra è modellato da processi come l’erosione e l’accrescimento e ciò una volta si ergeva sul suolo, potrebbe ora essere coperto dall’acqua. Dal momento che il nostro pianeta è in gran parte coperto di acqua, possiamo solo immaginare quante cose giacciono ancora sul fondo nascoste alla nostra e alla nostra curiosità.

Il primo edificio sottomarino è stato avvistato il 15 luglio dall’utente YouTube MEXICOGEEK appena al largo della costa del Golfo di California e i teorici della cospirazione stanno già affermando siano i resti di una città aliena massiccia. Misura più di 70 miglia di lunghezza, la strana struttura si presenta come se fosse stata costruita con motivi geometrici in mente. La sua simmetria e linee rette che si estendono per decine di miglia sembrano escludere qualsiasi formazione naturale, favorendo l’ipotesi di un progetto intelligente.

Il cercatore di UFO Scott C. Waring crede che questa base aliena sia collegata a tutti gli avvistamenti UFO provenienti dal Messico e da tutta l’America centrale e meridionale.

“Questa base è enorme e non c’è da meravigliarsi del fatto che sentiamo parlare di tanti avvistamenti UFO sopra il Messico”, scrive. “Questa base si trova a sole 45 miglia di distanza dalla costa messicana. Le probabilità che questa sia una struttura creata da esseri intelligenti ritengo possano essere al 100 per cento.”

È interessante notare la somiglianza tra la disposizione della struttura e delle piste di atterraggio di un aeroporto se visto dall’alto. Tuttavia, la vastità delle strutture tubolari che compongono la rete sottomarina significa che doveva aver avuto uno scopo diverso. E’ un peccato che non potremmo mai sapere quale fosse tale scopo e, a meno che la comunità scientifica non decide di indagare sulla questione in maniera approfondita e trasparente, rimarremo all’oscuro. Coordinate per la base sottomarina qui.

Il secondo posto di interesse si trova vicino alla costa del Venezuela, a metà strada tra Curacao e Puerto Rico (Coordinate qui). Ha un’architettura ancora più strana, più discrepante, costituita da linee a zig-zag. In termini di dimensioni, la struttura è altrettanto massiccia come quella del Golfo di California, misura circa 90 miglia da punta a punta. Ma la caratteristica più strana deve essere la sua forma. Quali processi geologici avrebbe potuto produrre un contorno così strano, che mostra simmetria, linee rette e angoli di 90 gradi? Si può supporre seriamente che questa struttura sottomarina sia naturale?

ufo-base-venezuela-300x256@2x

Inoltre, il mistero è aggravato da un altro insieme di manufatti strutturali che si adagiano a soli 50 miglia a nord est dell’anomalia Venezuela (coordinate). Grazie alla sua vicinanza, questa irregolarità secondaria sembra essere collegata alla prima. Le immagini suggeriscono che essa sia composta da una serie di strutture rettangolari sparse sul fondo dell’oceano in linea retta. Praticamente non si sa nulla su questi oggetti sommersi misteriosi, salvo per il fatto che essi devono essere enormi. Essi sono situati molto vicino alla punta meridionale del Triangolo delle Bermuda, ma non ci sono abbastanza dati per effettuare un collegamento.

structures-venezuela-300x242@2x

L’enigma dei fenomeni aerei non identificati non sarebbe completo senza prendere in considerazione l’USOs o oggetti sommersi non identificati. E ‘molto probabile che gli UFO e USOs siano gli stessi mezzi, con l’unica differenza che questi ultimi sono stati avvistati entrare o uscire da ambienti acquatici. Dal momento che ha senso che una presenza extraterrestre collochi la sua base e svolga le proprie attività indisturbata da occhi umani, quale posto potrebbe essere migliore rispetto al fondo dell’oceano? Se gli UFO sono in grado di attraversare distanze cosmiche viaggiando più veloce della luce, sopravvivere alla pressione delle profondità oceaniche sembra un compito facile.

Quindi, se mari e gli oceani della Terra sono l’approdo di visitatori ultraterreni, potrebbero queste due anomalie essere ancora operative? In tal caso, potrebbero essere responsabili per i numerosi avvistamenti UFO segnalati in o intorno ai continenti americani. Questi luoghi sarebbero un grande punto di partenza nella ricerca di vita aliena qui sulla Terra. Anche se fossero stati operativi molto tempo fa e da allora fossero stati abbandonati, una prova convincente potrebbe essere ancora da trovare.

Se le strutture sono artificiali, ma non sono state fatte dagli alieni, il mistero si sposta, ma mantiene la sua intensità. Il nostro attuale livello tecnologico non avrebbe permesso di costruire tali costruzioni sottomarine complesse, il che significa che chi le ha costruite era molto più avanzati di noi. Entrambe le aree in cui le anomalie sono state scoperte sono state sommerse da milioni di anni e le dinamiche dei fondali avrebbero cancellato tutti i segni della loro esistenza se fossero stati costruiti prima che la zona fosse ricoperta d’acqua.

Alla fine, nessuno può dire con certezza in cosa consistano queste strutture e, fino a quando qualcuno non andrà in spedizione subacquea in stile James Cameron, il puzzle rimarrà senza risposta.

Fonte: EWAO

Traduzione di Ununiverso

2 pensieri su “Le enormi strutture acquatiche scoperte con Google Earth

  1. Pingback: Le enormi strutture acquatiche scoperte con Google Earth – giobarblog

  2. Pingback: Le enormi strutture acquatiche scoperte con Google Earth

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...